Siamo esseri viventi con un corpo fisico che vive e si evolve insieme a noi. Giorno dopo giorno le nostre cellule cambiano, e i nostri pensieri seguono il loro andamento, fanno parte dello stesso corpo e dialogo interiore iconadunque non possono slegarsi l’uno dall’altro.

Il dialogo interiore e la comunicazione che instauriamo con noi stessi ci aiuta a modificare la percezione della qualità della nostra vita e del mondo esterno. Anche se non ce ne rendiamo conto, comunichiamo sempre con noi stessi.

In questo articolo voglio parlarti proprio di questo, ossia della differenza che può fare la nostra capacità di trasmettere comunicazioni positive e potenzianti al nostro corpo.

Prova a riflettere:

quando ci troviamo in uno stato mentale puro e positivo, diventiamo potenti creatori di vite meravigliose. Al contrario, quando elaboriamo pensieri depotenzianti di critica, rabbia e giudizio, nei nostri confronti, siamo gli artefici del nostro malessere e viviamo nella frustazione e nel dolore.

C’è molto potere dentro al nostro corpo ma se non siamo disposti ad affrontare la collera e a lasciare andare il passato non riusciremo mai a connetterci con l’energia Divina. Ci sentiremo sempre bloccati ad agire ed i nostri pensieri depotenzianti ci daranno ragione ostacolando il raggiungimento della felicità e serenità che ognuno di noi merita.

immagine evocativa di pensieri positivi

Sorge spontanea una domanda:

Tu credi davvero di meritare di essere in pace con te stesso e vivere una vita straordinaria?

Ti chiedo questo perchè spesso e volentieri, quando pongo questo quesito alle persone che lavorano con me, molte sgranano gli occhi e tentennano nella risposta perchè non sentono di meritarlo davvero.

entra nel gruppo

Tu meriti di essere felice, ma per esserlo al 100% ti devi assumere la responsabilità dei tuoi pensieri e delle tue azioni.

Se impari a prestare maggiore attenzione ai segnali che invii e che ricevi, puoi rivendicare la proprietà di un immenso potere creativo che non esercita una certa influenza solo su di noi ma anche su tutti gli individui e le situazioni in cui ci imbattiamo quotidianamente.

Con la pratica, possiamo imparare ad avere più fiducia nella capacità di utilizzare il dialogo interiore a nostro favore così da migliorare la nostra esistenza sintonizzando il nostro trasmettitore (i pensieri) su una frequeza sempre più positiva.

gufetto sorpresoQuando ti odi, dici a te stesso cose meschine, ti ripeti che sei brutto, eviti di vedere la tua immagine riflessa e sei a disagio, non ti senti affatto bene. Non ti godi la tua giornata, ti accadono pochi eventi positivi, vedi solo ciò che non và nella tua vita anzichè godere delle piccole cose e di tutto ciò che di bello ti circonda.

Ma quando inizi a compiere gesti semplici come quello di guardarti allo specchio e dirti che ti ami esattamente così come sei, anche quando è difficile farlo e credi non sia vero, la tua energia cambia e come per magia inizi a sentirti meglio e attiri persone e situazioni meravigliose.

Ogni giorno, in tanti piccoli modi, ciò che pensiamo e diciamo con regolarità diventa la nostra
rappresentazione della realtà
e rende sempre più profondo il solco delle riflessioni abituali che influenzano direttamente la qualità della nostra vita.

Quanto più il nostro monologo interiore sfrutta un linguaggio che serve a migliorare l’esistenza, tanto più essa può cambiare in meglio.

Qualunque cosa che noi pensiamo o diciamo a noi stessi costituisce un’affermazione.

Dobbiamo sempre essere consapevoli delle parole che pronunciamo e delle idee che formuliamo se vogliamo che la nostra vita migliori.

Ora ti farò una serie di  domande a cui ti chiedo di rispondere.

Forse non ci hai mai pensato prima e quindi ti sarà difficile, oppure ti renderai conto della qualità dei tuoi pensieri così che da oggi in poi potrai tenere quelli buoni ed elaborare quelli limitanti. Il mio intento è quello di farti prendere consapevolezza di quella vocina che cerca di autosabotarti, spesso senza che nemmeno tu te ne accorga perchè ci sei troppo abituato e non ci fai più caso.

Qual’è la prima cosa che dici a te stesso al mattino appena ti svegli?

Che cosa pensi mentre sei sotto la doccia o stai facendo colazione?

Come ti rivolgi a te stesso quando ti trucchi o ti asciughi i capelli?

Che cosa dici alla tua famiglia mentre pranzi o prepari i tuoi figli per uscire?

Per cosa ringrazi la sera prima di addormentarti?

Quali sono i tuoi pensieri più ricorrenti? Sono buoni per te o ostacolano il raggiungimento della tua serenità?

dialogo interiore e specchio

Negli ultimi anni, sono arrivata a comprendere l’importanza di iniziare la giornata in maniera più tranquilla, propositiva e intenzionale.

Mi sono concessa la possibilità di prestare più attenzione al gufetto felicebenessere e la cura di me stessa sotto ogni punto di vista. Dopo essere stata malata per molti anni di Fibromialgia, mi era difficile schizzare fuori dal letto con entusiasmo e affrontare alla grande la mia giornata.

Leggi anche: Fibromialgia e alimentazione crudista.

Per troppi anni sono stata in lotta con la mia lunga lista di cose da fare, da dire, da tenere sotto controllo…

Ora, invece, la mia priorità è quella di prendermi cura di Vittoria nel corpo, nella mente e nello spirito iniziando proprio dal mio dialogo interiore.

Sarebbe troppo bello se ognuno di voi potesse sentire cosa dico tra me e me 24 ore su 24.

Alcuni potrebbero prendermi per “pazza”, altri (la maggior parte) sono certa che inizierebbero anche loro a ringraziare per ogni piccola cosa.

Parlo col cibo e lo ringrazio chiedendo di trasformarsi in energia per il mio corpo, appena sveglia ringrazio il letto per avermi ospitata tutta la notte, mi ripeto spesso che sono al posto giusto, al momento giusto e sto facendo la cosa giusta per me, mentre guido mando energia a tutti coloro che incontro, prima di addormentarmi ringrazio per tutto ciò che è accaduto durante la mia giornata e mi chiedo cosa avrei potuto fare per migliorarla ancor di più, mentre lavoro chiedo all’Universo che mi venga data la forza per aiutare tutte quelle persone che me lo chiedono…

Insomma, cerco continuamente di focalizzarmi nel mantenere un dialogo positivo e potenzianze.

Da quando presto attenzione alla qualità dei miei pensieri sono circondata da persone splendide e la mia vita a acquistato un valore inestimabile.

Abituati a porre a te stesso due domande nel corso della tua giornata:

cuoricino rosso Come posso fare per essere felice in questo momento?

Quali pensieri mi procurano gioia?

Diventa il tuo migliore ammiratore. Se fai il tifo per te, ti sarà più facile vivere nella gioia, nell’amore e saprai affrontare i momenti più difficili con consapevolezza e gratitudine.

frase di luise hay

 

Adesso tocca a te dirmi la tua!

Lascia il tuo commento qui sotto oppure iscriviti al gruppo “Fibromialgia e Testimonianze” cliccando qui sotto; potrai trovare contenuti preziosi inerenti la Fibromialgia per sostenersi, crescere e aiutarsi a vicenda nel proprio percorso di guarigione. Ti aspetto!

entra nel gruppo fibro e testimonianze