Modellare l’eccellenza per replicarla: coaching e testimonianze

//Modellare l’eccellenza per replicarla: coaching e testimonianze

Modellare l’eccellenza per replicarla: coaching e testimonianze

Seconda tappa del Coaching@Home (vuoi rivedere la prima? Clicca qui!)

Domenica 23 Ottobre è stata una giornata davvero intensa e ricca di emozioni, una delle giornate più belle della mia vita!

Ho ospitato a casa mia tutte le persone che stanno facendo un percorso di crescita personale con me per poi finire la serata al FUORIMANO a Milano per un aperitivo con amici, parenti e tutti coloro che hanno avuto il piacere di passare a salutarmi prima della mia partenza per Bali!

Il tema della giornata della Coaching@HOME 2^ tappa è stato: il MODELLAMENTO.

Ti spiego velocemente di cosa si tratta così che anche tu, da oggi in poi, potrai prendere spunto da questa tecnica per migliorare la qualità della tua vita.

sorrisi di gruppo di persone

Come sarebbe se tu riuscissi a guarire da una malattia diagnosticata cronica ed incurabile dalla medicina ufficiale chiedendo semplicemente a chi ci è riuscito come ha fatto?

E come sarebbe se fossi in grado di rispettarti al 100% e vivessi la vita che davvero senti di meritare?

Immagina di avere tutte le abilità necessarie per ottenere ciò che desideri e di impararle in maniera veloce e facile senza dover fare troppi sforzi e in tempi brevi senza perdere tempo in inutili tentativi.

Come cambierebbe la tua vita?

E quanto sarebbe prezioso scoprire come fanno i migliori nel campo della crescita personale ad avere successo nella propria vita, per poi replicarlo nella tua?

Lo scopo principale della Programmazione Neuro Linguistica è sempre stato quello di modellare l’eccellenza umana. 

coaching@home

Ed è stato dimostrato più e più volte che, una volta che si sono compresi gli schemi di pensiero e i comportamenti utilizzati dagli individui più brillanti e talentuosi in qualsiasi campo, è possibile imparare a fare quello che fanno e replicarlo.

Ciò che è importante sapere è come quella persona ha raggiunto il suo obiettivo ed quindi è fondamentale conoscere la sua strategia. Se ha funzionato per lui, anche tu puoi applicarlo allenandoti ogni giorno e arriverai al risultato che desideri.

coaching@home

Ecco cosa abbiamo fatto domenica…

Ognuno di noi ha condiviso un suo successo spiegando dettagliatamente la strategia utilizzata per raggiungere un obiettivo, anche piccolo, e così, i ragazzi presenti alla coaching@home, sono tornati a casa con 20 nuove strategie da applicare per migliorare la qualità della loro vita!

Non male eh?

Ecco il potere della condivisione… Dimmi come hai fatto a farlo che lo faccio anche io!

Ti piacerebbe far parte di questo gruppo?

Come cambierebbe la tua vita se anche tu avessi l’opportunità di confrontarti ogni giorno con persone che “parlano la tua stessa lingua”, che hanno entusiasmo da vendere e sono determinate a migliorare la qualità della loro vita?

Tieniti pronto perché a breve tutto questo sarà possibile!

pensieri di vittoria diamanti

Ho tantissime nuove idee e progetti per tutti voi, per essere sempre connessi anche a km e km di distanza perché un dolore condiviso è un dolore dimezzato. Una gioia condivisa è una gioia raddoppiata.

Immagina di poter raddoppiare ogni giorno le tue gioie e prendere spunto dai successi di tante persone. Quanti stimoli nuovi avresti per fare sempre di più e meglio nella vita?

A breve tutti voi potrete far parte di questo progetto… Non vedo l’ora sia tutto pronto e raccontarvi di cosa si tratta!

foto di gruppo

Ancora grazie ad ognuno di voi per l’affetto e per esserci.

Ecco cosa dicono i ragazzi dopo la giornata trascorsa insieme!

VALERIA:

<<La giornata di ieri per me è stata un po’ come il Natale di quando ero bambina. È stato ritrovare persone care, di famiglia, sentirsi accolta e accettata da tutti in una casa calda e serena.

Sono arrivata stanca ma ho ricevuto abbracci intensi che mi hanno ricaricata di energia e positività. E poi ho ricevuto un sacco di regali materiali e non materiali del tutto inaspettati. Sono arrivata sperando di trovare le risposte alle domande che mi facevo da tempo e a cui da sola non riuscivo a rispondere.

Sono andata via con molte più risposte di quante domande avessi all’inizio.

E tutto questo mi è stato regalato, non ho dovuto prendere del tempo per risolvere io delle difficoltà, non ho dovuto scontrarmi con errori per imparare perché mi è stato fatto il meraviglioso dono dell’esperienza altrui.

Valeria e Patrizia

Ho ricevuto utilissimi spunti pratici che stavo cercando da tempo a cui mai io avrei pensato e, allo stesso tempo, altrettanto utili insegnamenti di vita.

Mi aspettavo di riuscire a trovare delle risposte quando sono arrivata a casa tua Vittoria, e ne ho trovate tante, ma quello che non mi aspettavo era di uscire dalla tua porta come una persona diversa da quella che era entrata.

Sono certa che il passo in avanti che ho fatto è piccolo ma d’ora in poi continuerò a mettere un piede davanti all’altro e sono certa che, alla fine, come nella storia che ci hai raccontato, anch’io troverò la porta per uscire dalla camera buia e piena di demoni.

Grazie Vittoria, con tutto il cuore, per avermi regalato questo gruppo. E un grazie infinito ad ognuna delle meravigliose persone che lo compongono.>>

VALENTINA:

<<Ringrazio infinitamente tutti i Dreamers!
Mi hanno regalato splendide emozioni domenica!

Sono in pace con me stessa e carica di amore e felicità! Siete tutti splendidi! La condivisione è stata anche stavolta unica e potente.

È importantissimo riuscire a condividere il mio percorso con persone che parlano la mia stessa lingua e con le quali mi sento libera di esprimermi senza giudizio alcuno perché so che abbiamo tutti le medesime emozioni e le stesse difficoltà in questo percorso di crescita personale.
Sentire le esperienze di ognuno ti aiuta a riflettere su quello che magari non avevi considerato fino a quel momento e a fare cose nella quotidianità alle quali non avevi mai pensato e che invece possono essere utilissime per star bene.

Testimonianza di Valentina
Ora so che tanto spazio che si è “liberato” nella mia vita si sta riempiendo con tanto immenso amore che proviene da tantissime persone meravigliose che mi stanno dando emozioni forti e soprattutto si sta riempiendo con un sacco di  “Valentina” che prima quasi non esisteva, che prima quasi aveva paura ad emergere e che si subordinava sempre agli altri e al loro giudizio.

Sto iniziando davvero ad innamorarmi di una donna meravigliosa: me stessa!

So che questa è la strada giusta da perseguire e ci credo fortemente.
Guardo la luce in fondo alla caverna e le vado incontro con tanta gioia e serenità nel cuore.

Sono contenta di aver pianto mentre raccontavo ciò che ho imparato a fare ogni giorno per raggiungere la mia felicità perché ho sentito una grandissima liberazione nel farlo! Tante emozioni congeste si sono liberate ed io sto iniziando a muovere nuovi passi verso me stessa.

Grazie, perché grazie a te Vitto e a questo fantastico gruppo la strada da seguire nella mia vita, il suo scopo ora per me sono molto chiari. Ci vorrà solo un po’ di tempo, quello che serve, ma ci arriverò.
Immensamente grazie angelo mio per aver reso possibile tutta questa magia. >>

ALESSANDRA:

<<Grazie Vittoria per l’amore con il quale ci hai accolti a casa tua. Grazie per averci fatti incontrare. Grazie a tutti per le bellissime condivisioni.

Personalmente sono sempre stata molto scettica riguardo alla condivisione. Mi sono sempre definita una “solitaria”. Facendo parte di questo gruppo ho compreso l’importanza del “fare parte di una squadra” e quindi del condividere per la mia crescita personale e a sua volta per le persone che mi ascoltano.

Le mie esperienze ed i miei inciampi possono servire agli altri per non fare i miei stessi “errori”, così come i miei obiettivi raggiunti possono essere da esempio per chi vuole migliorare la propria vita.

Dall’altra parte, ascoltando gli altri, permetto alla mia anima di evolvere. Tante persone insieme per un obiettivo comune: migliorare la propria vita.

Tante persone unite da una visione condivisa: realizzare i propri sogni. Il lavoro di squadra ci permette di sostenerci a vicenda nelle difficoltà che ognuno di noi incontra ma allo stesso modo di condividere gli obiettivi raggiunti moltiplicando così la felicità di ognuno.

alessandra e elsa

La forza del gruppo sta appunto nel coinvolgere più persone, e quindi di avere a disposizione maggiori risorse, idee ed energie efficaci.

Stare in gruppo ci permette di alzare il potenziale delle capacità di ognuno di noi in quanto si hanno a disposizione più prospettive, visioni alternative delle situazioni che sono necessarie per raggiungere degli obiettivi concreti.

Vittoria in questo coaching@home ci ha proposto una modalità di apprendimento che secondo me è risultata vincente: “il modellamento”, cioè la capacità di apprendere in modo diretto dall’esperienza degli altri.

Personalmente l’ho trovato un metodo che se applicato può fare la differenza nella vita di chiunque. Diventare consapevole che qualcuno ha adottato una determinata strategia, comportamenti specifici e pensieri di un certo tipo ed ha ottenuto determinati risultati, mi ha fatto capire che posso imparare anche io, posso farcela anche io!

Quindi perché non chiedere direttamente al diretto interessato cosa e come ha fatto? Credo sia una buona scorciatoia per raggiungere il proprio scopo.

Questa giornata di condivisione ha permesso ad ognuno di noi di tornare a casa con tante nuove strategie da mettere in pratica subito nella vita quotidiana.

Grazie di nuovo Vittoria per avere organizzato tutto questo e grazie di nuovo a tutti noi per aver reso “magica” questa giornata.>>

DANIELA:

<<Cara Vitto, innanzitutto ti ringrazio immensamente per averci di nuovo aperto le porte di casa tua! E’ stata una giornata davvero emozionante. Ogni persona presente mi ha lasciato qualcosa di importante, un prezioso insegnamento che mi permetterà, un pò alla volta, di guardare il mondo con occhi diversi.

Dopo tanto tempo di ricerca ora sento davvero la certezza di aver trovato una fortissima squadra guidata da un allenatore davvero speciale!

Valentina e Daniela

E’ una grande fortuna poter camminare a fianco di un gruppo così. Stiamo scalando tutti la stessa montagna ed è bellissimo sapere di non essere soli, sapere di poter chiedere consiglio, di poter chiedere un parere, una parola di incoraggiamento…sapere di poter avere una mano da persone che parlano la stessa lingua.

E’ un grande dono che mi è stato fatto!

Di nuovo grazie a te Vittoria per averci dato un altro importante strumento di crescita: il modellamento. Credo che potrò utilizzare questo strumento in parecchie aree della mia vita, senza però dimenticarmi della mia unicità!

Ringrazio con tutto il cuore l’Universo per avermi portato su questa strada, sicura che sia la migliore per me!>>

ALICE:

<<Lavorare in gruppo è fondamentale, perché il gruppo fa la forza per eccellenza. Quando si intraprende un cammino da soli, si tende a scivolare più spesso.

Con il gruppo ci si sente parte di una famiglia di viaggiatori che hanno più o meno la tua stessa meta, di conseguenza ci si sente più forti.
Il modellamento, se non ho capito male, serve ed è quello che facciamo in ogni seduta di coaching: tu mi spieghi la strada intrapresa da te, in modo che la mia sia meno difficile.

coaching @ home

Anche qui, è una cosa fondamentale perché la vita è fatta di maestri e allievi in ogni ambito. Da quando cresciamo a quando diventiamo adulti qualcuno più grande o con più esperienza di noi ci insegna qualcosa.

E per tutti i nostri giorni sulla terra non facciamo altro che imparare. Se abbiamo un problema da risolvere e qualcuno l’ha gia risolto, meglio farci indicare la soluzione!
Avere un gruppo significa lasciarsi andare.

Poter confessare quello che si è veramente a un intero gruppo di persone. Non succede molto spesso nella vita di abbassare la maschera! E invece ieri è successo, e la cosa mi ha stupito.>>

DAVIDE:

<<La coaching@home del 23 Ottobre 2016 è stato un momento fondamentale nel mio percorso di crescita personale che ho intrapreso insieme a Vittoria Diamanti.

Questa è stata la seconda volta che ho avuto l’opportunità e il privilegio di incontrare alcune delle molte persone che lavorano con lei ed è stata un’esperienza ancora più intensa e profonda rispetto alla prima coaching@home di qualche mese fa.

Il fatto di aver già conosciuto quasi tutte le persone che erano presenti ieri mi ha permesso di entrare ancor più in empatia con loro, con le loro emozioni, i loro sentimenti e mi ha fatto capire quanto sia importante avere la possibilità di condividere le proprie sensazioni con persone capaci di parlare la tua stessa lingua e di vibrare alla tua stessa frequenza.

davide e alessandra

Generalmente prediligo stare più da solo piuttosto che in compagnia ma tra le tante cose che sto imparando da quando lavoro con Vittoria c’è la forza della condivisione.

Non credo sia stato semplice per nessuno di noi ieri cercare di condividere le proprie esperienze soprattutto perchè parlare di ciò che si prova davanti agli altri equivale a mettersi a nudo e ad esporsi inevitabilmente al giudizio altrui.

L’incontro di ieri mi ha insegnato che siamo tutti vittime, chi più chi meno, delle stesse paure anche se non ce ne rendiamo conto e che molto spesso le persone di cui temiamo il giudizio hanno molta più paura di noi.

Abbiamo cercato di aiutarci a vicenda raccontando le difficoltà che stiamo attraversando o che siamo riusciti a superare cercando di spiegare quale è stata la chiave con la quale siamo riusciti ad aprirci un varco attraverso delle barriere che sembravano insormontabili.

Ognuno di noi ha fatto fare a tutti gli altri un piccolo passo in avanti alla ricerca della tanto agognata felicità che tutti andiamo cercando ma che sembra così difficile da raggiungere.

Grazie alle persone che ho incontrato ieri mi sto rendendo conto sempre di più di quanto sia importante comunicare con il prossimo in maniera autentica e quanto sia importante farlo di persona, senza passare per il filtro alienante della tecnologia che ci illude di avvicinarci ma che, a mio parere, ci sta allontanando sempre di più tramite un sistema di comunicazione asettico e anestetizzante.

Ora più che mai abbiamo bisogno di confrontarci e di farlo guardandoci negli occhi, perchè solo così possiamo trasmettere autenticamente le nostre emozioni e capire il messaggio più importante, ovvero il fatto che non siamo soli e che aiutandoci a vicenda possiamo riuscire a conoscere profondamente noi stessi e di conseguenza a comprendere gli altri e tutto ciò che ci circonda.>>

MARTINA:

<<Un’altra giornata intensa, un altro Coaching@Home davvero speciale. Quanto avrei voluto saltare fuori dallo schermo del pc e abbracciare tutti loro, uno ad uno! Eh va beh… ciò che importa è che il messaggio sia arrivato forte e chiaro, dritto al cuore.

Ogni volta che qualcuno raccontava il suo traguardo piu’ significativo, dentro di me pensavo «ma dai? Ma questa sono io!», oppure «cavoli, avrei proprio bisogno di fare come lui/lei!», così ho preso tantissimi appunti per facilitare il superamento dei miei scogli più grandi: la dipendenza affettiva, le aspettative sugli altri, la paura del giudizio degli altri, la paura di buttarmi in una nuova attività, l’impazienza di guarire, i sabotaggi del subconscio, la paura in me stessa.

Testimonianza di Martina

Ho rafforzato l’idea dell’esistenza di un invisibile nella nostra vita che inadeguatamente chiamiamo caso, coincidenza, ma che ora mi piace chiamare legge dell’universo; dell’importanza di seguire l’intuizione, della necessità di affidarmi ancora di più alla mia coach e di scegliere sempre ciò che è amore per me, chiedendomelo ogni volta prima di fare qualcosa.

Ho capito bene che in un momento grigio come questo, in cui buio e luce si mescolano spesso nella mia anima, un gruppo di persone che parlano la mia stessa lingua è fondamentale, perchè quelle sono esattamente il mio materasso di salvezza, la mia stella cometa, il mio premio per gli sforzi fatti finora nel mio percorso di crescita.>>

ELSA:

<<Quando Vittoria, all’inizio del mio percorso accanto a lei, mi disse “isolandoti ti sei condannata da sola agli arresti domiciliari e ti sei privata del nutrimento che le altre persone rappresentano per te” proprio non capivo cosa intedesse. Allora mi disse: “quando non capisci una cosa non ti resta altro che sperimentarla per comprenderla”.

Ho dovuto combattere una battaglia estenuante con il mio inconscio, con le mie credenze, con le mie convinzioni, ma soprattutto ho dovuto affrontare il mio spettro più grande: la paura, la paura di essere giudicata, non compresa, ferita, evitata, la paura di non saper dare nulla agli altri, di aprirmi, di annoiare, di essere insignificante e invisibile agli occhi delle persone,  di mostrare la mia vera essenza.

Hai letto l’articolo dedicato alla testimonianza di Elsa? Clicca qui >

Ora, a distanza di sei mesi ho sperimentato il profondo significato e l’enorme importanza di condividere con un gruppo le proprie sensazioni e percezioni, i successi e i fallimenti, i passi avanti e le ricadute, le lacrime di gioia e quelle di disperazione, la gioia ed il dolore, i momenti in cui ti senti euforico e quelli in cui vorresti diventare invisibile; i giorni in cui non vedi l’ora di far fluire agli altri i tuoi sentimenti e quelli in cui implodi, le volte che non finiresti mai di parlare e quelle in cui ti rinchiudi in un silenzio assoluto.

Vittoria mi ha dato l’ennesima dimostrazione del suo immenso amore facendomi dono dei Dreamers.

E’ incredibile la “perfezione” di questo gruppo, io stessa non sarei stata capace di scegliere, anche avendone avuto la possibilità, delle persone così perfettamente “compatibili” con me.

Attraverso ognuna di loro io riesco a sperimentare tutti i colori della vita in tutte le molteplicità di sfumature possibili, mi sento a mio agio, libera di esprimermi, ma anche libera di restare in silenzio, mai giudicata e sempre incoraggiata, compresa e ascoltata sempre con attenzione, percepisco quasi come fosse addirittura palpabile l’amore, la bontà, l’infinita dolcezza che pervade ogni anima di questo gruppo.

Testimonianza Elsa

Mi sento davvero come una nuvola nel cielo, mi lascio trasportare solo dalle percezioni della mia anima, mi avvicino alle altre nuvole e a volte mi fondo con una di loro fino a diventare una sola entità per poi portarne con me una parte che man mano mi accresce.

A volte divento piccola piccola per lasciare spazio alle altre, a volte mi espando quasi a voler dare un senso di protezione. A volte le perturbazioni della mente sembrano portarmi lontano, troppo lontano ma poi una corrente mi riporta subito lì, mi riattrae come una calamita accanto alle mie compagne, fluttuo come avvolta in una oceano di amore, di dolcezza, di comprensione e compassione, leggera, senza tensioni, la mente si calma, il cuore si apre, l’anima respira profondamente.

E’ come se ognuno dei Dreamers avesse in sé proprio quel pezzettino di un immenso puzzle che combacia perfettamente con il mio, come se le nostre anime si fossero incontrate perché il loro incastro perfetto formasse un disegno divino che ci permettesse di accrescerci fino al massimo delle nostre potenzialità, in modo che quel disegno abbia i colori più brillanti, le linee perfettamente delineate, i caratteri  meravigliosamente distinti.

Come se quel disegno fosse la somma dell’essenza di ognuno di noi portata al massimo della sua espressione, come se da quel disegno trasparisse il senso più profondo dell’amore e della vita.

Vi porto nel cuore ogni giorno della mia vita, vi rivolgo tutta la mia infinita gratitudine.

Vittoria, ognuno di noi ha la tua impronta nell’anima, come la traccia di un passo lasciato sulla neve che il nostro reciproco amore protegge affinchè niente la possa cancellare mai.>>

ANNALISA:

<<La prima giornata del Coaching@home aveva regalato tante emozioni e mi aveva permesso di conoscere tante belle persone con un cuore grande e tanta voglia di impegnarsi per vivere la loro vita al meglio. Da quell’incontro sono nate delle amicizie e li ho sentiti vicini come un famiglia; perciò questo 23 ottobre, giorno del mio compleanno, cosa c’era di meglio in serbo per me se non una meravigliosa occasione di rincontrarli, di condividere, di abbracciarli e stare insieme.

Ed è stato così, un compleanno meraviglioso, con tanta energia e gioia perché una gioia condivisa è una gioia moltiplicata.

Impari a parlare davanti alle persone, senza aver paura del giudizio altrui, a raccontare la tua esperienza, e ad ascoltare quelle degli altri e da ogni parola detta può nascere un pensiero, una cosa che non avevi valutato e che ti permette di riflettere e di guardare le cose da una prospettiva diversa.

Patrizia e Annalisa

Ti permette di apprendere dei modelli, il famoso modellamento tema della giornata, e farli tuoi.

Oggi, per esempio, ho imparato che bisogna festeggiare i propri successi quando riesci a fare una cosa che ti sembrava impossibile, bisogna lasciare un segno tangibile, che sia una frase, un oggetto o un qualcosa che ti faccia ricordare cos’hai ottenuto.

Così, ogni volta che ti sembrerà faticoso raggiungere un obbiettivo, potrai guardare indietro e vedere la strada che hai già percorso per avere la forza di andare avanti e persistere verso la tua meta.

Poter condividere la mia storia con le altre persone presenti è stato anche liberatorio perchè non solo senti che sei cambiato e che lo puoi raccontare da un’altra prospettiva e gioire dei tuoi traguardi ma vedi anche l’affetto di chi ti ascolta e si creano così legami forti dove ci si può confrontare e aiutare.

Mi è sempre piaciuta l’idea di aiutare le altre persone con un abbraccio, una parola di conforto o anche solo la mia presenza e sapere di poterlo fare e di avere anche persone vicine che per te ci sono e ci saranno sempre; un gruppo che non sparisce dopo una giornata insieme, è davvero meraviglioso.>>

PATRIZIA:

<<Il lavoro di squadra per me non è solo fondamentale ma obbligatorio in un percorso di crescita personale. Noi siamo individui sociali e impariamo solo attraverso le esperienze.

Se non confrontiamo le nostre strategie non potremmo mai crescere. Ieri mi è stato utilissimo sapere che altre persone come me tutti i giorni hanno pensieri positivi, tutti i giorni meditano, tutti i giorni si occupano di loro stessi in modi diversi.

Valentina per esempio ha detto che si mette dei post-it per fare le cose entro 48 ore.. bellissimo…!!

Patrizia e Gina

La cosa che forse avevo sottovalutato era proprio me stessa, nel senso che non ero sicura di riuscire a trasmettere le mie emozioni.

Certo non ho parlato di strategie ma le persone prima di me hanno descritto ciò che io faccio. Avevo sottovalutato l’importanza delle micro azioni.

Insomma, mi è servito a fare chiarezza dentro di me. Capire quali azioni fanno gli altri aiutare per migliorare la propria quotidianità. Stasera farò i post it e una scaletta degli obiettivi della giornata e per domani… azione !!!

Grazie anima bella>>

ELENA:

<<Cara Vittoria,

Non avrei mai pensato di potermi trovare in una situazione del genere: io da sola in mezzo a persone delle quali non so nulla se non il nome e loro altrettanto di me, e sentirmi così bene.

Mi sono sentita subito accolta e abbracciata in un modo mai provato prima (e tanto sognato!) che riempie il cuore e da una carica pazzesca!

Il primo incontro è stato positivamente spiazzante, così pieno di emozione da farmi mancare il fiato.

La completa assenza di giudizio e la sola voglia di condividere per regalare agli altri qualsiasi cosa possa essere necessaria per il loro cammino.

foto di gruppo

Un gruppo di amici, compagni di viaggio, un gruppo di persone che in comune hanno il desiderio di vivere nel modo migliore e che si sostengono e si commuovono per i successi degli altri e dei propri.

Un gruppo che parla la stessa lingua fa la differenza, è un valore aggiunto in questo cammino non così semplice e scontato.

Ragazzi, ma vi rendere conto di quanta strada avete fatto? Chissà se tutti ne siete consapevoli, io stessa non credo di esserlo del tutto, ma i vostri abbracci e i vostri sguardi e le vostre parole mi hanno fatto realizzare che anch’io sto veramente camminando, piano piano, lentamente, ma d’altronde non potrebbe essere diversamente.

Ci vuole tempo, pazienza e soprattutto bisogna agire.

Io ho tanta paura di non essere all’altezza, ho paura di perdere le persone a me vicine, ho paura di deludere prima di tutto me stessa. Ho tante aspettative nei miei confronti.

Ma allo stesso tempo mi sento in grado di arrivare ovunque, sono convinta che al mio fianco ci saranno solo le persone che veramente scelgo di avere al mio fianco, che posso farcela solo per il semplice fatto che io valgo, io valgo, io valgo!!! (Valeria!!)

Non so bene ancora come concretizzare, ma grazie a questo fantastico gruppo oggi ho tanti spunti preziosi da seguire, piccole strategie che hanno fatto raggiungere dei traguardi a chi li ha condivisi. Grazie ragazzi, le parole che avete condiviso sono dei preziosissimi doni per me!

Grazie veramente per tutto il coraggio che questo gruppo riesce a creare ogni singolo giorno.

GRAZIE>>

ELEONORA:

<<Ciao vittoria spero di non essere troppo in ritardo…
Domenica é stata una giornata super esaltante!

Sentire da persone a me sconosciute raccontare piccole vittorie conquistate con fatica mi ha ricordato quanto é importante la condivisione. La mia paura di non aver niente da raccontare di interessante perché a mio avviso non avevo ottenuto grandi risultati é stata sostituita da la consapevolezza che ci vuole pazienza, che bastano dei piccoli risultati x andare avanti e da tanta voglia di fare meglio!

 

testimonianza di eleonora

Ho assorbito tutta l’energia positiva possibile. Parlare con persone che capiscono i tuoi stati d’animo e gli stravolgimenti che con fatica cerchi di fare nella tua vita, mi sono sentita meno sola e più determinata a voler raggiungere i miei obiettivi!

Ma non solo.

Lunedì carica di tutta l’energia assorbita a casa tua ho trovato la forza di affrontare un argomento spinoso con il mio fidanzato è ancora una volta ho avuto la dimostrazione che “dare per scontato” non aiuta.

Un piccolo fraintendimento può raggiungere livelli di incomprensione elevatissimi se non affrontati! Ma soprattutto che spesso proiettiamo le nostre paure sugli altri senza ragione, la paura del giudizio ci blocca nella comprensione!

Grazie ancora una volta x avermi dimostrato che é tutto solo e semplicemente nella mia testa! E che è molto piú semplice di quello che si pensa!!
In bocca al lupo x la tua nuova avventura>>

freccia-giuTi è piaciuto l’articolo? Puoi condividerlo sui tuoi canali social e se vuoi leggere altre testimonianze ti consiglio di iscriverti subito al gruppo Facebook “Fibromialgia e Testimonianze”, cliccando sul pulsante qui sotto.

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By |2019-03-04T18:52:55+00:00Ottobre 26th, 2016|Amore di Sé|0 Commenti

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

Scrivi un commento