È ora di uscire dalla tua zona di comfort? 8 domande per capirlo

/, Corpo Sano/È ora di uscire dalla tua zona di comfort? 8 domande per capirlo

È ora di uscire dalla tua zona di comfort? 8 domande per capirlo

Uscire dalla tua zona di comfort ti permette di cambiare stato mentale e di salute, in quanto quest’ultimo è lo specchio del rapporto che hai con te stesso.

Secondo la medicina ufficiale, la crescente diffusione “epidemica” dello stress, i disturbi dipendenti dallo stile di vita e le malattie autoimmuni non hanno una causa precisa.

Per me, invece, quella causa è evidente: si tratta di un’epidemia di dis-amore per sé stessi.

Il problema di fondo è che la medicina tradizionale ha perso di vista l’unità psicofisica dell’individuo, dove ci si focalizza sui sintomi e sulla loro soppressione con farmaci che spesso creano altri squilibri, tralasciando le cause che li hanno generati.

vittoria al computer

È necessario che tu comprenda che ogni ostacolo sul tuo cammino ti insegna a diventare più forte e ad espandere il tuo potere creativo.

È la consapevolezza che acquisisci grazie al dolore che ti permette di conoscerti più a fondo e di scoprire che tu hai le risorse più importanti e necessarie per affrontare un periodo difficile.

Ricorda: “l’ostacolo esiste affinché tu possa creare una nuova situazione, la situazione ideale per te.”

Guarigione significa aprire la mente a nuove possibilità che prima non vedevi, oppure, un altro modo per definirla, è con la volontà di disimparare i vecchi schemi e crearne di nuovi, così da abbracciare nuove credenze potenzianti basate su sani principi.

Fare questo richiede coraggio e determinazione e ti costringe ad uscire dalla zona di comfort che contiene ciò che già conosci.

Non hai alternative se vuoi vivere una vita diversa e in salute.

Non puoi continuare a pensare come prima, parlarti come prima, emozionarti come prima e agire come prima se vuoi cambiare rotta alla tua vita.

Hai già letto l’articolo di Alessandro?
La libertà inizia quando finisce la zona di comfort! Clicca qui>

Non funziona così!

Spesso le persone vogliono guarire dal loro mal di vivere ma non sono disposte a lasciare andare persone, situazioni passate o ciò che ancora oggi le fa soffrire per paura di quel che sarà, di quel che non conoscono.

Paradossalmente si preferisce rimanere all’interno della propria zona di comfort perché non si ha fiducia in se stessi e pur di prendere delle decisioni si continua a rivivere la stessa sofferenza.

vittoria con bambini

Questo è il circolo vizioso di chi ha paura a fare il salto.

La guarigione comincia quando smetti di percepirti come una persona che ha un problema, perché il tuo stato di salute riflette il rapporto che instauri con te stesso ed il tuo corpo.

Bisogna essere disposti ad uscire dal ruolo di vittima e prendersi la responsabilità della propria salute. Basta cercare la soluzione all’esterno di noi, è arrivato il momento di essere sinceri con se stessi.

Prenditi del tempo e scrivi su un foglio tutte quelle cose che stai facendo per soddisfare le aspettative degli altri, tralasciando in primis te stesso e ciò che davvero ti fa battere il cuore.

vittoria sull'altalena

numero unoSenti di essere il protagonista della tua vita?

numero due Se oggi fosse il tuo ultimo giorno qui sulla terra, saresti soddisfatto di ciò che hai ottenuto e di come hai vissuto?

numero tre Ti senti libero nel dire di no a qualche richiesta che non è in linea con i tuoi valori o dici spesso di si per paura delle conseguenze o perché non ti senti all’altezza di contraddire il tuo interlocutore?

Osserva chi c’è intorno a te.

numero quattro Com’è la qualità delle tue relazioni?

numero cinque E quali sono le emozioni che provi ogni giorno?

numero6 Sei felice, leggero, spensierato, sei abituato a vedere sempre il lato positivo delle cose oppure hai una visione pessimistica del mondo e vedi sempre tutto nero?

numero7 Che opinione hai di te stesso?

numero8 Ti piaci e ti accetti esattamente così come sei?

Ti sei mai fatto tutte queste domande?

Ricorda, porsi le domande giuste ti permette di smetterla di raccontarti bugie. Ecco perché la maggior parte delle persone sfugge a domande di questo tipo…

Si ha tanta paura a guardarsi dentro perché quando arrivano certe risposte non si può più far finta di niente, perché nel momento in cui la consapevolezza è chiara, se non si agisce e si cambiano le cose si sta peggio di prima!

vittoria diamanti sulle rocce

La famosa Beata ignoranza … O “si stava meglio quando si stava peggio“!
Eh, no… Non funziona proprio così.

Se le cose non vanno come vorresti, tu hai il potere di cambiarle. Certo, ci vuole coraggio, tanta forza ma è davvero possibile perché dipende solo ed esclusivamente da te.

Questa si chiama RESPONSABILITÀ.

La capacità di rispondere in una determinata maniera agli eventi che ci succedono.

crescere-significato

Noi siamo abituati a scegliere ciò che non vogliamo, scappiamo da situazioni perché ci fanno male ma quando chiedo alle persone in che direzione stanno andando e perché, mi guardano allibiti e non sanno rispondere.

Quella domanda arriva come un fulmine a ciel sereno. So cosa non voglio più ma non so cosa voglio.

È qui che bisogna fermarsi e iniziare davvero a guardarsi dentro, ad ascoltare il cuore e a seguire ciò che ci emoziona, che ci fa sentire liberi.

I sintomi fisici sono associati a traumi emozionali.

Lavorando su mente-corpo-spirito insieme, i benefici aumenteranno a livello esponenziale.

Io credo che ogni sofferenza arrivi per darci un’importante lezione di vita che ci permette di crescere ed evolvere come anime e ci costringe a riconnetterci con noi stessi e con il nostro corpo per trovare la via verso la guarigione, in primis dell’anima.

L’amore per sé stessi guarisce ogni cosa e favorisce la connessione tra corpo, mente e spirito facendo crescere altro amore. È incredibile ciò che può succedere se sei gentile e premuroso con te stesso!

Autostima e vittoria diamanti

Se ti proteggerai con amore e ti prenderai cura di te, tornerai in armonia.

Questa è la storia d’amore più grande che esista e tu, se vuoi, puoi viverla.

Sono uscita dalla sofferenza della Fibromialgia prendendomi cura di  CORPO, MENTE e SPIRITO. Ho compreso ciò che mi teneva legata a quella sofferenza, ho elaborato il dolore, lasciato andare situazioni e persone che non mi permettevano di vivere in leggerezza e ora godo di ottima salute.

Ho organizzato il 10 Settembre a Milano una conferenza dove sono salite con me sul palco 15 persone che hanno saputo trasformare la loro sofferenza in punti di forza, elaborato il dolore, lasciato andare la malattia e capito “il segreto” per vivere in salute.

Durante la giornata sono stati forniti tutti gli strumenti possibili per capire come ho fatto a trasformare la Fibromialgia in amore per me stessa.

Ancora oggi la medicina ufficiale la definisce cronica ed incurabile, ma io sono salita su quel palco perché ognuno di voi potesse ispirarsi alla mia storia e potesse prendere spunto dalla mia filosofia di vita, maturata dopo anni e anni di sofferenza, di lavoro fatto su di me, di studi approfonditi e di lezioni imparate attraverso alle persone che hanno scelto di affidarsi a me e intraprendere un percorso di crescita personale.

Se vuoi ritrovare la magia di quel giorno, clicca qui per acquistare le slide e le registrazioni >

Buona guarigione

Iscriviti alla mia newsletter, ogni settimana una email con contenuti utili per la tua crescita personale e la tua guarigione dell’anima!

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By | 2018-01-12T14:53:30+00:00 12 giugno 2017|Amore di Sé, Corpo Sano|2 Comments

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

2 Commenti

  1. […] Sono stata per molto tempo avvolta in questo bozzolo, sigillato per bene dalla scusa: io sono fatta così. Bloccata dalla paura del giudizio altrui, terrorizzata dall’uscire dalla mia zona di comfort. […]

  2. […] mi ha portato a cambiare molte cose: ho lasciato un lavoro che non mi piaceva, ho intrapreso studi in moda che non c’entravano […]

Scrivi un commento