Quanto credi in te stesso e quanta fiducia hai nelle tue potenzialità?

//Quanto credi in te stesso e quanta fiducia hai nelle tue potenzialità?

Quanto credi in te stesso e quanta fiducia hai nelle tue potenzialità?

Per vivere bene basta credere in te stesso. Facile a dirsi, per qualcuno un po’ più difficile a farsi.

Lucy in questa intervista ci racconta del perché “Semplicemente Essere” è la chiave per vivere la propria vita al meglio, divertendosi nel viverla, prendendo la giornata con il sorriso e la voglia di fare davvero la differenza nel mondo.

Vuoi fare il primo passo verso questa idea di felicità?

Allora rivivi le emozioni della Conferenza “il Viaggio dell’Eroe” del 10 settembre 2017: acquista i video e le slide, raccogli i concetti e gli strumenti per migliorare la qualità della tua vita!

numero unoRaccontaci chi sei, quali sono le tue passioni e i tuoi hobby, cosa reputi più importante nella vita?

Mi Chiamo Lucia Cristina, per gli amici Lucy, ho 35 anni e da 7 ho iniziato il mio cammino di Crescita Personale che mi ha portato a riscoprire la meraviglia che sono.

Di professione sono infermiera specializzata in Terapia Intensiva e da due anni sono anche una Trauma Coach.

lucy-infermiera

Adoro Viaggiare, ballare incontrare e conoscere persone con la loro storia di vita.

Amo gli animali e in particolare i cani.

lucy-con-cane

numero dueQuali sono i tuoi valori più importanti e perché?

I valori che guidano la mia vita sono l’umiltà , il rispetto, l’amore incondizionato e il divertimento.

numero treQuali sono le più grosse difficoltà che hai superato nella vita e che ti hanno dato un grosso insegnamento?

Le più grosse difficoltà che ho superato nella mia vita sono il tentato suicidio di mio padre e un trauma subito all’età di 10 anni che la mente mi ha riportato a galla solo all’età di 32 anni e manifestatosi durante tutta la mia vita con un’obesità.

obesità.lucy

Cosa mi hanno insegnato questi eventi?

La forza della Donna che sono, il coraggio di reagire, la voglia di vivere a modo mio e di non dover sottostare a imposizioni dettate da altri, il coraggio di parlare e la determinazione.

cerimonia-lucy

numero quattroPrima non eri soddisfatta della tua vita (anche lavorativa). Ci racconti cosa è scattato in te per trasformare la vita da ordinaria in straordinaria?

Ho sempre avuto la convinzione che non siamo su questa terra per farci trasportare dalle onde delle occasioni che ci capitano per caso, ma che siamo qui per creare qualcosa di straordinario.

Da qui la mia convinzione di essere destinata a fare la differenza nel mondo.

Io ho scelto di fare l’infermiera in rianimazione perché ciò che mi premeva era esserci per il mio paziente nel momento in cui lui non poteva badare a sé stesso, e questo lo faccio con meticolosità e precisione, perché amo farlo e ci metto tutta me stessa.

lucia-cristina-selfie

Ad un certo punto della mia vita, a 28 anni, ho capito che potevo esserci per gli altri ma dovevo esserci prima di tutto per me stessa; così ho iniziato la mia trasformazione e il mio cammino di crescita personale che mi ha portato a scoprire la meraviglia che sono oggi, mettendo in ordine tutta una serie di mattoncini alla base del mio “Tempio”, affrontando tante sofferenze ma uscendone sempre a testa alta, col sorriso e con un nuovo insegnamento che mi rendeva ancora più forte!

numero cinque Ci racconti dei tuoi progetti un po’ più nel dettaglio?

Attualmente lavoro come Infermiera Clinica presso il reparto di Neurologia e Stroke dell’ospedale dove lavoro da 11 anni. Oltre ad occuparmi dei pazienti mi occupo anche di formazione e ricerca.

ricerca-infermiera

In contemporanea lavoro per ciò che è il lavoro per il quale io sono venuta al mondo: diventare la migliore Trauma Coach del mondo.

numero6Chi sono state le persone che hanno fatto la differenza nella tua vita? Ci racconti un episodio in particolare?

Nel momento del risveglio mi sono resa conto di quante siano le persone che hanno fatto la differenza nella mia vita… prima nn mi rendevo conto, nn le vedevo neanche!

Quando ho iniziato a pensare con la mia testa, ad emozionarmi per cose che provavo in prima persona, ho iniziato a vedere …. e ho visto l’Amore intorno a me!

Non mi va di descrivere un episodio in particolare perché nn saprei quale scegliere, ma se dovessi dirti la prima persona che mi viene in mente, ti direi la mia Nonna materna: la nonna Rosa!

È venuta a mancare a 99 anni e mezzo nel 2013, al mio rientro dalla Thailandia, là dove per la prima volta ho incontrato me stessa.

lucy-emozionarsi

 

È come se, al mio rientro, avesse capito che da quel momento in poi avrei intrapreso la strada giusta, è come se mi avesse detto “bene figlia mia, ora puoi camminare con le tue gambe! Ma io sarò sempre con te!”

numero7Quali sono gli ingredienti che consiglieresti a quelle persone che vogliono migliorare la qualità della loro vita ma non sanno da dove iniziare?

Il divertimento è fondamentale per me!

Se fai qualcosa che non ti appassiona allora lascia perdere, trova la passione in ciò che fai, entraci dentro e vivila appieno. Quella passione arriverà a te e a chi ti osserva, magari da lontano, e lo aiuterà ad avvicinarsi a te e, magari, a prenderti come esempio.

Così, altra passione e divertimento verranno portati nel mondo!

numero8Raccontiamo ai nostri lettori come ci siamo conosciute. Cosa ci lega così tanto l’una all’altra?

Ho conosciuto Vittoria al secondo anno del Master in Comunicazione che abbiamo frequentato insieme. Tra di noi è nata subito una profonda ammirazione!

Per me era ammirevole la vita che conduceva e la passione che ci metteva nel viverla.

lucy-e-vittoria

Tutto però si è rinforzato ancora di più durante l’esame finale dove Vittoria mi ha tenuto una sessione di coaching.

La sua dolcezza e semplicità mi hanno portato a lavorare su una problematica che collegava le mie incertezze ad una sensazione di titubanza e paura che mi assaliva prima di arrivare al lavoro: ero, in qualche modo, convinta di essere giudicata dai miei colleghi perché non avevo determinate caratteristiche professionali.

esame finale master con vittoria

Si trattava però di una convinzione auto indotta, perché in effetti questo era un parere solo di 3/4 persone su un’equipe di 70 persone con la quale io ho sempre lavorato splendidamente e che mi hanno sempre dimostrato ammirazione e fiducia.

Durante la sessione Vittoria mi ha splendidamente fatto rielaborare questa convinzione, dando energia ad una mia frase, che è diventata in seguito il mio Tatuaggio: “Semplicemente Essere”.

tatuaggio-semplicemente-essere

Questo tattoo significa molto per me, è la mia frase potenziante nei momenti forti della mia vita, qualsiasi cosa accada intorno a me è sufficiente Essere Semplicemente così come sono affinché tutto vada per il meglio!

Tutto il resto nn ha importanza.

lucy tra gli Ulivi

numero-9Alla mia prima conferenza ho voluto solo te, che mi davi così tanta fiducia e che sapevo saresti stata di grande sostegno. Ci vuoi raccontare l’emozione di quel giorno?

Esserci quel giorno è stato per me un grande onore: ero emozionata per te, sentivo la tua emozione, l’energia delle persone che erano lì per ascoltarti e per avere risposte alle loro grandi incognite.

Sul palco c’eri tu con il tuo sorriso e con l’umiltà di una ragazza che ha avuto il coraggio di rispondere alle sfide della sua vita trasformandole in opportunità di crescita per se stessa prima di tutto e poi anche per gli altri, diventandone ispirazione.

selfie-lucy

Come una lanterna volante che volando illumina e dà la via a chi ha bisogno di vedere Luce sul proprio cammino.

numero-10Cos’è per te la condivisione e che importanza le dai?

Condividere è uno strumento potentissimo che ti porta a capire che non sei mai solo, perché prima di te qualcuno ha vissuto un momento simile e ne ha imparato sicuramente qualcosa di cui potresti fare tesoro.

numero-11Una definizione di Cambiamento?

Il Cambiamento per me è equilibrio instabile, è quell’attimo di apnea tra inspiro ed espiro dove la fiducia è fondamentale.

Fiducia nell’inspiro successivo che è Vita!

numero.12Fai un saluto

Posso dire “volevo salutare mamma papà e tutti quelli che mi conoscono????”

No dai a parte gli scherzi!

Saluto tutti ma proprio tutte le persone che stanno leggendo questa intervista.

Ringrazio Vittoria per l’opportunità data e per l’Amore che mi dimostra.

Vi lascio con un pensiero:

trovate sempre il divertimento in ciò che fate, portate passione e Amore nella vostra Vita e siate Semplicemente così come siete.

Semplicemente Essere…. semplicemente Lucy!

Clicca sulla foto qui sotto per vedere il video di Lucy 🙂

video-lucy

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By | 2017-09-21T12:28:30+00:00 25 luglio 2017|Strategie di Vita|1 Commento

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

Un commento

  1. […] importante tuttavia analizzare che all’interno di ciò che crediamo essere “il meglio” non vi siano nascoste le nostre paure e credenze che appartengono a […]

Scrivi un commento