Quante occasioni perse per paura di essere sè stessi?

//Quante occasioni perse per paura di essere sè stessi?

Quante occasioni perse per paura di essere sè stessi?

Sentirsi orgogliosi di una persona significa ammirare ad apprezzare quanto è riuscita a fare in autonomia, seguendo un percorso definito, aiutata da qualcuno, raggiungendo però traguardi inaspettati con le proprie forze.

Ebbene, questo è proprio quello che sento quando leggo le parole di Elsa.

Una donna incredibile che ha fatto un salto quantico nella sua vita, sradicando tutti i paletti che negli anni aveva conficcato nella sua esistenza.

Buona lettura

-Vittoria-

⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣⇣

Il mio percorso di crescita accompagnata da Vittoria è stato pervaso da un’energia di cura e amore talmente potente da lasciare memoria in me, in modo davvero vivido, di ogni dinamica e di ogni esperienza della mia esistenza rivissuta e analizzata insieme a lei.

É stato come ripercorrere tutta la mia vita guardandola con occhi diversi, da tutt’altro punto di vista, mai considerato prima!

Questo ha cambiato completamente la mia prospettiva, suscitando emozioni intense che l’anima ha registrato, ma non archiviato.

Restano lì, vive e presenti, a scandire i battiti del cuore, ad accompagnare ogni respiro…

E allora percepisco di nuovo qualcosa che mi rimanda alle emozioni che provai quando Vittoria mi insegnò ad osservare la vita con un nuovo sguardo.

Uno sguardo intenso, generato da un elemento imprescindibile: la fiducia.

limiti e spiaggia

Sradicare i paletti che ci costruiamo attraverso la fiducia

Ed ecco dunque che l’immagine di questi paletti piantati nella sabbia mi ha rimandato ad una meravigliosa metafora; una metafora che Vittoria utilizzò per mostrarmi in maniera evidente qualcosa che io non ero mai stata in grado di vedere.

Ogni mia credenza, ogni mia paura, ogni mia convinzione, ogni mio giudizio costituiva un paletto conficcato nel terreno della mia esistenza.

Avevo così creato confini e imposto limiti, finché non riuscivo più a districarmi tra i mille pali posti in ogni ambito della vita!

E quell’immagine mi ha proprio palesato il pensiero di quanto quei paletti ostacolino la visuale del mare; più sono fitti e numerosi, più diventa difficile scorgerne la sua immensità. 

«Decidere se fidarsi o no di una persona è come decidere se arrampicarsi o no su un albero: si potrebbe godere di una vista straordinaria dal ramo più alto, oppure ci si potrebbe semplicemente riempire di resina. Questo è il motivo per cui molta gente decide di passare il suo tempo sola e in casa, dove è più difficile pungersi con una scheggia.»

La fiducia è la chiave necessaria per non chiudersi in sé stessi

Ho trascorso la vita ad occuparmi della gestione di questi paletti, pensando che mi avrebbero protetta dalla sofferenza o dal dolore.

Ero convinta di essere nel giusto perché così mi avevano insegnato, sicura che stessi agendo per il mio bene; stavo costruendo la mia “fortezza” e i miei “recinti” dove tutto poteva essere tenuto sotto controllo, ordinato e perfetto!

Avevo relegato la fiducia in un angolo, e non l’avevo più considerata.

E poi arriva un angelo come Vittoria che ribalta completamente la tua visione, e ti rendi conto che noi non abbiamo il potere di controllare nulla; non siamo né perfetti né imperfetti.

Semplicemente SIAMO.

Quei paletti ci impediscono di vedere la nostra essenza e la via della vita consiste nel seguire sempre i sentimenti della nostra anima; ascoltarli e tuffarsi in ogni avventura a cui l’anima ci spinge, è l’esperienza di cui abbiamo bisogno!

Ricordo il giorno in cui sradicai il mio primo paletto, dopo un lavoro certosino condotto pazientemente da Vittoria.

Il senso di libertà e leggerezza che provai è indescrivibile, così come l’emozione fortissima che ne scaturì, la cui condivisione con Vittoria è uno dei ricordi più belli della mia vita!

Accade così che, ad ogni palo rimosso, maggiore diviene la visuale dell’immensità che proprio quel palo impediva di scorgere e più ti rendi conto che tu, in realtà, sei ciò che va oltre le limitazioni che ti poni o che lasci ti vengano imposte!

Siamo essere illimitati e invece passiamo l’esistenza a limitare ciò che siamo!

Sradicate tutto ciò che vi impedisce di vedere la vostra illimitatezza e permettetevi finalmente di essere ciò che siete!

Fare questo significa vivere nella gioia e nella libertà di espressione del proprio Sé, dando pieno spazio al potere della fiducia.

E se, in questo percorso, avrete il privilegio, come l’ho avuto io, di essere accompagnati da un amore profondo e incondizionato come quello in cui Vittoria ha saputo avvolgermi e proteggermi, allora vi ritroverete non solo liberi e gioiosi, ma anche estremamente arricchiti.

Perché non c’è ricchezza più grande al mondo dell’incanto che l’amore crea, un amore che attraverso l’altro ti porta a scoprire te stesso; si sperimenta così la magia del co-creare insieme una realtà in cui entrambi possiamo esprimere l’Essere Divino che è in noi per il bene nostro e del Tutto di cui siamo parte.

Grazie ad Elsa per questa testimonianza

Se l’articolo ti ha suscitato belle emozioni allora scrivilo nei commenti qui sotto o condividilo con i tuoi contatti. Infine, ti ricordo di iscriverti alla mia newsletter compilando i campi qui di seguito.

Riceverai subito un contenuto gratuito su come rendere la tua vita straordinaria in 5 semplici passi.

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By | 2018-10-24T09:40:37+00:00 24 ottobre 2018|Amore di Sé|1 Commento

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

Un commento

  1. Patrizia 25/10/2018 al 08:57 - Rispondi

    Posso solo testimoniare quanto le parole di Elsa non siano solo tali. Elsa ha saputo guardare dentro la sua anima con quell’amore e quella cura che si dedica ad una persona cara. Conosco Elsa da 15 anni e abbiamo fatto insieme tanta strada, tante sono state le esperienze, le gioie, le sofferenze condivise, ma ora posso affermare che non è la quantità di tempo che si trascorre con una persona, ma la qualità; affermo questo perché Vittoria ha proprio cambiato la qualità della nostra vita, ha spostato il punto vista, ha eliminato i giudizi. Certo il lavoro su di se non è facile, ma necessario. Ora sono gioisa di essermi presa la responsabilità della mia vita, perché è questo che Vitttoria insegna. Vi consiglio di intraprendere un percorso con lei, se avete il desiderio di migliorare la vostra vita. Altrimenti ve lo dico è solo tempo perso. Grazie Vittoria per tutto il tuo amore e per esser nella mia vita.

Scrivi un commento