“La Fibromialgia, secondo me” diventa musica!

//“La Fibromialgia, secondo me” diventa musica!

“La Fibromialgia, secondo me” diventa musica!

Una notte, di qualche mese fa, non riuscivo a prendere sonno e ho iniziato a interrogarmi su cosa avrei potuto fare come regalo a tutti i fibromialgici. Molti vivono nella paura e nel dolore di non riuscire più a vivere la vita che desiderano.

Volevo qualcosa che fosse facile da utilizzare e che potesse supportarvi nei momenti più bui.

Ricordo di essermi fatta queste domande:
“A te, Vittoria, cosa emoziona?”
Cosa ti piacerebbe ricevere?
Cosa ti accompagna nel quotidiano di cui non potresti farne a meno?

In una frazione di secondo è arrivata la risposta. E l’intuizione è stata la musica!!!

frecciaAscolta subito la canzone dedicata alla Fibromialgia, clicca qui!

Ricordo di aver acceso l’abat jour, preso carta e penna (che stanno sempre sul mio comodino) e ho iniziato a scrivere di getto queste parole:

“La musica ha il potere di far vibrare le corde dell’anima, scatenando emozioni forti.”

Una semplice melodia è capace di risvegliare le emozioni ormai sopite da tempo, di strappare un sorriso e di fermare per un attimo i pensieri quotidiani, quelli che hanno la capacità di innescare in noi tantissime paure.

camminare sulle striscie pedonali

La musica può motivare, creare entusiasmo, alleviare la solitudine, indurre la calma, alleggerire le tensioni, portare gioia e serenità.

Essa ti fa sentire viva, ti dà una carica incredibile e ti fa venire voglia di muoverti, di ballare.

La musica è come un balsamo che ci aiuta ad ammorbidire qualsiasi situazione difficile. È capace di trasformare un giorno ordinario in qualcosa di magico, di straordinario, e può fornire conforto, rilassamento, sensazione che difficilmente dimenticheremo.

Avete mai sentito i brividi lungo la schiena mentre ascoltavate la musica?

A me è capitato spesso, mi è successo persino di commuovermi perché mi sono spesso identificata nelle parole della canzone che stavo ascoltando.

Quelle parole mi hanno fatto sentire meno sola e più capita.

In tanti momenti difficili la musica mi ha salvato la vita, portando alla luce la parte più vera e sensibile di me.

E allora mi son detta: “Se ha funzionato con me, può funzionare con tutti i fibromialgici?”
E magari attraverso la musica sempre più persone potranno avere il piacere di considerarci e ascoltarci, chissà?

Inoltre, sono convinta che cantare insieme unisca, crei legami forti e faccia vivere momenti di gioia da portare con sé in ogni momento.

Ho immaginato tante persone unite dalla sofferenza cantare a squarciagola questa canzone creando maggiori connessioni così da innalzare le energie che spesso sono a terra.

donne con le mani alzate

Dal momento che la musica è spesso un’attività sociale, cantare insieme può aiutare le persone ad avvicinarsi, a sciogliere le tensioni, a creare gruppo.

Ho lanciato l’uscita di questa canzone pochissimi giorni fa, proprio durante questa diretta su Facebook, l’hai vista? Clicca sul pulsante PLAY qui sotto.

Ora, provate per un attimo a chiudere gli occhi e immaginatevi di essere all’interno di uno stadio a cantare con migliaia di persone fibromialgiche, una canzone che parla di voi, della vostra storia, delle vostre difficoltà e allo stesso tempo delle vostre difficoltà, dei vostri traguardi e dell’amore che guarisce.memo di una canzone

Che figata sarebbe???

Ho voluto creare qualcosa per sostenere nei momenti più bui chi, come me, ha a che fare con una brutta bestia come la Fibromialgia. Mi sono immaginata quando un fibromialgico deve alzarsi dal letto la mattina, magari dopo non aver dormito tutta la notte; ha davanti a sé una giornata intensa ma è già privo di forze e non ha la più pallida idea di come fare ad arrivare a sera.

Mi sono fatta la fantasia che la canzone che ho scritto, in collaborazione con un compositore, potesse essere la carica giornaliera per tutti voi; un aiuto per affrontare meglio quel dolore che sembra non abbandonarci mai.

Ho scritto questa canzone e creato questo video per comprendere che solo la nostra forza interiore potrà salvarci. 

donna in rosso e il tempo

Non credete a chi vi dà per spacciati

La soluzione per vivere al meglio, nonostante le difficoltà, esiste e io ne sono l’esempio. Ma bisogna desiderarlo con tutte le proprie forze.

Purtroppo in pochi, probabilmente pochissimi, vi capiranno, ma voi non mollate: fate gruppo con chi parla la stessa vostra lingua, supportatevi, aiutatevi a vicenda. Dopodiché studiate, imparate, osate, sperimentate e credete nella possibilità di una vita migliore.

Questa canzone è un dono per tutti voi, per darvi la possibilità di comprendere ancora una volta che solo la nostra forza interiore può salvarci.

Montaggio canzone Fibromialgia

In sala montaggio per la produzione della canzone

Il video della canzone

Questo video rappresenta la storia di ogni fibromialgico, costretto a vivere con una donna fantasma dalle mille sfaccettature che un giorno è più dolce ma il giorno dopo può essere così severa da stenderti al tappeto. 

La Fibromialgia è così, imprevedibile, ma una volta che si comprende il suo linguaggio sarà molto più semplice tenerla a bada.

Conosco bene quella sofferenza: mi accompagna da ben 35 anni della mia vita e ha stravolto tutti i miei piani.

Ancora oggi mi obbliga ad andare piano e a prendermi cura di me ogni giorno con coraggio e determinazione, altrimenti torna a farsi sentire, spesso più violenta che mai.

Ho a cuore la Fibromialgia perché è la mia fedele compagna di una vita. Lei ha smesso di farmi la guerra quando io ho scelto di smettere di combatterla decidendo di accoglierla. Ora insieme conviviamo bene, lei mi lascia in pace e io l’assecondo 😉

Ti lascio un piccolo video che ho girato durante la fase di montaggio della canzone:

Ora capite perché è grazie ad un mostro se sono diventata bella?

Perché questo mostro mi sta dando la possibilità di amarmi davvero, di prendermi cura di me, di conoscermi a fondo e di fare cose che non avrei mai pensato possibili.

bocca di donna

Ho lottato con tutte le mie forze, mi sono rimboccata le maniche, ho smesso di vestire i panni della vittima e ho scelto di tornare a vivere, ma vivere davvero!

Uscire da tanto dolore è possibile, ma ad una sola condizione: bisogna desiderarlo con tutte le proprie forze e bisogna essere disposti a cambiare molte cose nella propria vita.

Auguro ad ognuno di voi di trovare quella forza e di trasformarla in amore per voi.

Non vedo l’ora di sapere cosa ne pensate: aspetto numerosi commenti, condivisioni, consigli, eccetera.

ECCO QUI LA CANZONE, ascoltala cliccando su Play:

 

Ora veniamo ai ringraziamenti: dovete sapere che ovviamente questo progetto ha avuto un costo.

Tempo fa ne ho parlato solo con le persone a me più vicine in quel momento e ognuna di loro ha voluto sostenermi economicamente per realizzare tutto questo. È a voi che va la mia gratitudine.

Grazie per la fiducia, per il sostegno, per la pazienza, per la voglia di fare la differenza nel mondo.

Grazie a:

  • Rita Lissoni
  • Giorgio Usuelli
  • Elsa Veniani
  • Patrizia Caputo
  • Martina De Nardi
  • Martina Cogliati
  • Irene Gottardo
  • Annalisa Conti
  • Valentina Maconi
  • Eleonora Blasi
  • Valeria Vacchini
  • Fernanda

Ringrazio tantissimo anche chi mi ha aiutata a livello pratico a realizzare tutto questo:

  • TESTO E MUSICA Vincenzo Lo Russo
  • ARRANGIAMENTO Christian Pinchi
  • VOCE Serena Gambel
  • VIDEO REGISTRATO E MIXATO DA Made in Music

Ultima cosa: per chi mi vede oggi per la prima volta e vuole approfondire il discorso fibromialgia può iscriversi alla mia newsletter sul mio sito compilando il form qui di seguito. 

Oppure, potete seguirmi su Facebook a questa pagina, o iscrivervi al gruppo “Fibromialgia e testimonianze” 

Infine, potete seguirmi sul mio canale youtube.

Ora vi auguro un buon ascolto.

Chissà che da domani mattina, ascoltando questa canzone, il vostro risveglio sia migliore.

Testo canzone

È grazie ad un mostro se sono diventata bella.

Quanta voce per farmi sentire,

questo male non è immaginario

è una donna fantasma che ogni giorno mi accompagna

 

Su strade piene di salite

che aspettan di esser pulite

da noi gente comune

piccoli umili eroi

 

Il destino ci lancia una sfida

dopo la notte c’è sempre il mattino

la mia gente è un abbraccio che sa di solidarietà

 

Ti diranno che

una cura non c’è

devi essere forte

non devi mollare

lascia andare il dolore e la rabbia fino a che

la tua vita cambierà, si cambierà

 

Siamo stanchi anche di dormire

ma nonostante queste ferite non è finita

perché il dolore è una chiamata alla vita

 

Mi alzerò se dovessi cadere

perché sono io tutto quello che ho

senza aspettare che ci sia qualcuno che vinca per me

 

Perché lo so

che al di là delle nuvole

splende il sole che mi illuminerà

e grazie ad un mostro

l’amore che ho per me

mi salverà, mi salverà

 

Ti diranno che

una cura non c’è

devi essere forte

non devi mollare

lascia andare il dolore e la rabbia fino a che

la tua vita cambierà, si cambierà

 

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By | 2018-11-15T15:09:57+00:00 15 novembre 2018|Amore di Sé|0 Commenti

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

Scrivi un commento