Come curare la permeabilità intestinale: i consigli della naturopata

//Come curare la permeabilità intestinale: i consigli della naturopata

Come curare la permeabilità intestinale: i consigli della naturopata

Sei persone su dieci, dopo aver mangiato, hanno la sensazione che uno o più alimenti abbiano disturbato l’organismo con sensazione di pancia gonfia, sonnolenza, rigurgiti acidi e pesantezza.

L’origine di molti dei disturbi digestivi da sensibilizzazione alimentare, allergie ed intolleranze, dipende dall’aumentata permeabilità della parete intestinale, anche detta  “sindrome dell’ intestino gocciolante”.

L’esposizione quotidiana a cibi “facilitanti” causa l’infiammazione cronica della mucosa intestinale del tenue che porta le giunzioni serrate delle cellule intestinali a non essere poi così serrate. 

Di conseguenza, proteine (e non singoli aminoacidi come dovrebbe essere), tossine e patogeni possono penetrare nell’organismo portando all’attivazione del nostro sistema immunitario.

cura del proprio intestino come fare

Quali sono i principali alimenti facilitanti della permeabilità intestinale?

  • Lievito di birra
  • latte e derivati
  • zucchero
  • glutine 
  • frumento
  • suino
  • solanacee: melanzana, patata, pomodoro e peperone
  • xantine: thè, caffè e cioccolato
  • cibi nascosti: additivi ed emulsionanti  nelle preparazioni industriali

L’eliminazione di questi cibi è fondamentale anche per il mantenimento di una corretta flora batterica intestinale: nel nostro colon infatti sono contenuti, in termini di peso umido, circa 1,5 Kg di batteri.

In condizioni di eubiosi i germi simbionti sono in rapporto ai patobionti nell’ordine di molte migliaia ad uno, ma a causa di uno stile di vita scorretto (cattiva alimentazione, stress, ritmi incalzanti, viaggi ecc.), questo rapporto può facilmente alterarsi.

Scopri il libro Ebook di Giorgia Pastore “E adesso… Che mangio?” , tante ricette gustose per gli intolleranti al glutine, latte vaccino e molto altro. Clicca qui!

Cos’è la disbiosi?

La disbiosi infatti non è altro che un’alterazione quantitativa e/o qualitativa della flora batterica intestinale con aumento del carico tossinico per i nostri organi emuntori: intestino, fegato, reni e tessuto connettivo.

La disbiosi può essere fermentativa (da eccesso di carboidrati raffinati , zuccheri e lieviti), caratterizzata da meteorismo inodore e possibile stitichezza; oppure può essere putrefattiva (da eccesso di proteine animali e grassi) con conseguente meteorismo maleodorante e feci poltacee.

alimentazione intestino verde

Quindi, come possiamo prenderci cura del nostro intestino, il “secondo cervello”?

Sicuramente la sinergia tra: alimentazione, drenaggio, riequilibrio asse dello stress, maggior attenzione a radicali liberi e acidosi tissutale, compone un cocktail vincente.

Alimentarsi correttamente significa introdurre nel nostro corpo i giusti nutrienti limitando il più possibile le calorie “vuote” dei cibi raffinati e l’eccesso dei cibi industriali.

Dobbiamo garantire al nostro corpo il corretto apporto di liquidi, vitamine ed antiossidanti per evitare l’invecchiamento cellulare ed il conseguente stress ossidativo causato appunto, da un eccesso di scorie acide introdotte con l’alimentazione.

Con la pratica del drenaggio, inoltre, possiamo favorire l’eliminazione delle tossine attraverso la stimolazione funzionale dei nostri organi emuntori (fegato, reni, intestino, polmoni, cute).

Infine, per il nostro benessere mentale, dovremmo sovrapporre quello che ci piace fare (sport, ballo , musicoterapia, meditazione ecc.) ai ritmi sostenuti della vita quotidiana.

Una mente ed un corpo resilienti ci garantiranno sempre la giusta risposta allo stress, di qualsiasi natura esso sia.

giorgia pastore nutrizionista“Nutrirmi è il primo gesto d’amore che faccio verso me stessa, ogni giorno.”

Giorgia Pastore si è diplomata con Lode presso la Scuola Quadriennale di Naturopatia dell’ Istituto di Medicina Naturale di Urbino con la tesi dal titolo: “Psiconeuroendocrinoimmunologia:SIBO, colon irritabile e sindrome della valvola ileo-cecale, come riconoscerle e trattarle.”

Registro Italiano Naturopatia al N° 0267/2016
Attualmente è iscritta alla Facoltà di Psicologia.

 

Contatti Giorgia Pastore:
mail: g.pastore@drepas.it
Cellulare:+ 39 339.3697940
Pagina Facebook: Naturopatia, Benessere ed Emozioni

Ringrazio Giorgia Pastore per il suo contributo

Se l’articolo ti è piaciuto ti invito a condividerlo sui tuoi canali per diffondere il più possibile il messaggio. Ti invito ad approfondire in merito all’ebook di Giorgia “E adesso… Che mangio?” che nasce per tutte quelle persone che si trovano costrette a cambiare improvvisamente la loro alimentazione per un’intolleranza alimentare.

Per approfondire sul libro clicca sulla foto qui sotto!

Iscriviti subito alla mia Newsletter

By |2019-06-17T15:59:01+02:00Marzo 6th, 2019|Corpo Sano|0 Commenti

About the Author:

Mi chiamo Vittoria Diamanti, sono una Life Coach e Insegnante certificata Heal Your Life®. Aiuto le persone ad amarsi, a compiere i primi passi alla scoperta di sé stessi e ad eliminare barriere e limiti che impediscono loro di essere liberi.

Scrivi un commento