La Fibromialgia, secondo me2019-07-18T12:45:24+02:00
logo La Fibromialgia, secondo me

LA CHIAVE VERSO L’ASINTOMATICITÀ:
curare le cause per sconfiggere i sintomi

Il metodo rivoluzionario che valuta la persona nella sua totalità

LA CHIAVE VERSO L’ASINTOMATICITÀ:
curare le cause per sconfiggere i sintomi

Il metodo rivoluzionario che valuta la persona nella sua totalità!

Se ti hanno sempre consigliato di curare il sintomo ed affidarti ad un professionista dedicato, con questo percorso comprenderai quanto partire dall’analizzare le cause che hanno generato il tuo malessere sia la vera chiave di volta.

  • Dormi poco e male?
  • Hai dolori itineranti e costanti?
  • Senti di non avere più energie per fare qualsiasi cosa?
  • Sei stufa di essere considerata una malata immaginaria e una lavativa?
  • Nessuno ti capisce e ti senti sola ad affrontare tutta questa sofferenza?
  • Senti di aver perso le speranze e hai paura di non farcela?
  • Stai cercando un aiuto concreto per stare meglio, ma non sai a chi rivolgerti?
  • Hai la testa confusa e hai difficoltà a concentrarti?
  • Ti senti in colpa perché vorresti fare di più, ma i tuoi dolori te lo impediscono?
  • Soffri di attacchi di panico e tachicardia senza un motivo apparente?
  • Senti che la tua anima ti sta gridando aiuto, hai l’ansia di quel che sarà e temi che la situazione possa peggiorare?

Anni fa mi sentivo esattamente come te…

Nessuno mi aveva dato speranza di guarigione, mi avevano etichettata come una “malata cronica” e definito la mia Fibromialgia INCURABILE. Per questo motivo, ho scelto di rimboccarmi le maniche e di investire gli ultimi 6 anni della mia vita in studi e ricerche per trovare la soluzione alla Fibromialgia.

ISCRIVITI OGGI!
Vittoria Diamanti

Oggi, grazie al mio team e alle migliaia di ore trascorse con i Fibromialgici, ti propongo un percorso completo che, se affrontato con grande impegno, fiducia e forza di volontà, ti permette di comprendere tutti gli aspetti che vanno assolutamente presi in considerazione per raggiungere l’asintomaticità.

Io sono l’esempio che è possibile lasciarsi alle spalle tanto dolore!

Immagina come sarebbe la tua vita se ti svegliassi la mattina piena di energia dopo un lungo e profondo sonno ristoratore.

Immagina se tutti i dolori, il brain fog e  la stanchezza fossero un lontano ricordo.

diamante singolo rossoCome cambierebbe la qualità della tua vita?
Cosa faresti che la Fibromialgia oggi ti impedisce di programmare?

Immagina di poter iniziare la giornata con il sorriso consapevole di essere tu la vera protagonista della tua vita!

Finalmente potrai realizzare i tuoi sogni e non avrai più paura di nulla.

Ti rechi al lavoro con l’entusiasmo di chi ha la perfetta consapevolezza del proprio valore e delle proprie capacità. Difficilmente ora qualcuno potrà metterti i piedi in testa perchè avrai imparato a farti rispettare.

Svolgi il ruolo di mamma, moglie o compagna con gioia, perchè ora riconosci il tuo valore e sei diventata la tua priorità.

Hai imparato a prenderti cura del tuo corpo e della tua mente e finalmente ti senti forte perchè hai compreso che la tua salute dipende solo da quanto amore riesci a donarti ogni giorno.

Immagina poi di riuscire a rispettare tutti gli impegni presi e di goderti finalmente la vita senza preoccupazioni o stress: le serate in compagnia con le tue amiche, le cene romantiche con il tuo compagno, i weekend fuori porta con la tua famiglia senza la paura di poter star male da un momento all’altro.

Immagina di aver finalmente fatto chiarezza su tutto ciò che è necessario sapere per affrontare la Fibromialgia al meglio grazie ad un team di professionisti che hanno scelto di unirsi, condividere il loro sapere e accompagnarti in questo percorso.

Non è forse quello che stai cercando da tempo?

Quanto questa chiarezza potrà aiutarti nel gestire la tua sofferenza?

Cosa provi nel sapere che, grazie alle tante ricerche e al tanto lavoro fatto in questi anni, finalmente ci sono dei professionisti che ti propongono una soluzione valida e alternativa al tuo problema/disagio?

Immagina se tutto questo fosse davvero possibile…

Ora apri gli occhi e sii felice, perché è proprio questa l’opportunità che voglio proporti.

Il percorso “La chiave verso l’asintomaticità: curare le cause per sconfiggere i sintomi” ti permetterà di raggiungere questi obiettivi per tornare di nuovo a vivere al meglio la tua vita!

Ad una condizione:

dito puntatoNoi ci mettiamo la conoscenza e l’esperienza,
tu ci metti l’impegno!!

Ecco cosa otterrai al termine del percorso:

  • Ti forniremo tutte le informazioni necessarie per raggiungere uno stato di benessere che ti permetterà di riappropriarti della tua energia e lucidità mentale.

  • Ti insegneremo quanto sia fondamentale una corretta alimentazione indicandoti quali cibi preferire e quali evitare per prevenire disturbi digestivi, permeabilità intestinale e altri squilibri del secondo cervello.

  • Scoprirai quanta forza esiste nel potere della condivisione tra persone che stanno vivendo il tuo stesso dolore e che parlano la tua stessa lingua, in un ambiente protetto, privo di critica e giudizio.

  • Sperimenterai come la meditazione e il silenzio siano due compagni di viaggio fondamentali per raggiungere il tuo benessere psico-fisico. Grazie ad esercizi pratici farai esperienza diretta di quanti benefici apporti il sapersi ascoltare per comprendere i messaggi del tuo corpo e della tua mente.

  • Grazie a tecniche specifiche imparerai ad ascoltare il tuo corpo, a gestire al meglio le emozioni, a lasciare andare il dolore che ti accompagna da tempo e a ritrovare così la serenità che meriti.

  • Imparerai tecniche per innalzare le tue vibrazioni e per poter rilasciare vecchie energie stagnanti così da ristabilire equilibrio, armonia e completezza a tutti i livelli: fisico, emotivo, mentale e spirituale.

  • Imparerai a vivere il momento presente come un dono, senza l’ansia per il futuro e il peso del passato.

  • Potrai conoscere e confrontarti con persone che oggi godono di ottima salute e hanno già sperimentato questo percorso riuscendo a liberarsi dal dolore della Fibromialgia.

  • Comprenderai come disintossicare fegato ed intestino e come liberare il corpo da metalli pesanti, tossine in eccesso e stati infiammatori in genere.

  • Capirai l’importanza del diaframma e come questo muscolo straordinario influisca sulla respirazione, sulle tensioni muscolari e sulla postura.

Cosa troverai all’interno del corso?

BONUS inclusi nel corso!

Ogni essere umano contiene in sé un potenziale immenso che dobbiamo andare ad indagare in profondità, una ricchezza che è nascosta dentro di noi e che abbiamo il dovere di portare alla luce. Esattamente come un geologo che ha il compito di scovare dentro una roccia un diamante.

È un lavoro certosino, che richiede cura, tempo, amore proprio, passione, pazienza e tanta fiducia, ma che consente di trasformare una pietra qualunque in un diamante irripetibile!

Ognuno di noi, a livello metaforico, può essere paragonato ad un diamante unico e inimitabile che ha una luce incomparabile da offrire al mondo. E quel diamante, se ben lucidato, tornerà a brillare più luminoso che mai! Esattamente come è accaduto a Vittoria, il cui destino, a ben pensarci, era già scritto sia nel suo nome che nel suo cognome.

Il desiderio di Vittoria è proprio quello di vedere presto sempre più Diamanti in quota, volare leggeri e lontani da tanto dolore.

Da pietraA diamante

A chi è rivolto il percorso?

  • A chi vuole superare il dolore fisico.

  • A chi vuole fare chiarezza e affidarsi ad un unico team che si occupi del Fibromialgico a 360°.

  • A chi desidera superare le proprie paure e diventare protagonista della propria vita.

  • A chi desidera rivolgersi ai professionisti che hanno aiutato Vittoria a raggiungere l’asintomaticità.

  • A chi crede che sia realmente possibile lasciarsi alle spalle tanto dolore.

  • A chi è consapevole che il cambiamento richiede tempo, cura, impegno, costanza  e grande forza di volontà.

  • A chi desidera fidarsi e affidarsi per valutare nuove alternative.

  • A chi è consapevole che il raggiungimento degli obiettivi dipende dalla propria capacità di mettersi completamente in gioco, assumendosi la responsabilità dei risultati ottenuti.

  • A chi vuole imparare a prendersi cura di sè, ad amarsi profondamente e a scoprire i propri valori e i propri talenti.

  • A chi sceglie di diventare la miglior versione di sè stesso, spingendosi oltre i propri limiti.

  • A chi desidera tornare a vivere, ma vivere davvero.

  • A chi, attraverso un percorso di crescita personale, vuole acquisire nuovi strumenti per affrontare al meglio ciò che accade nella vita di ognuno di noi.

  • A chi sente la necessità di vivere in leggerezza e lasciare andare sensi di colpa, giudizi e autocritiche.

  • A chi vuole connettersi con persone speciali che hanno lo stesso obiettivo.

  • A chi vuole avere un punto di riferimento sicuro dove poter esprimere tutta la propria sofferenza e lasciarla andare una volta per tutte.

  • A chi ha capito quanto l’atteggiamento giochi un ruolo fondamentale.


Se ti ritrovi in queste parole allora il percorso è proprio rivolto a te!

ISCRIVITI AL PERCORSO!

Clicca PLAY qui sopra per guardare l’intervista di Vittoria a Radio Italia.

Vittoria Diamanti

Ho sofferto di Fibromialgia per 35 anni, e oggi io sono asintomatica grazie ad un lavoro su me stessa che ha richiesto anni di impegno costante, grazie al quale ho imparato a conoscere la Fibromialgia così a fondo da riuscire a gestirla molto bene sotto ogni aspetto.

Sono consapevole che sarà la mia fedele compagna di viaggio a vita, ma ora, ho tutti gli strumenti per godere di ottima salute. Ho sofferto dall’età di 3 anni, nessuno mi aveva dato alcuna speranza. La diagnosì arrivò solo 15  anni dopo.

“Lei è affetta da una malattia cronica ed incurabile che tende a peggiorare”

Rimasi basita. Come avrei potuto sopportare quella condizione per sempre?

Mi convinsi che ero malata e come tale mi comportavo, ero convinta che non sarei mai riuscita a guarire e che avrei dovuto prendere antidolorifici e psicofarmaci per tutta la mia vita. 

Poi qualcosa accadde e il 4 Febbraio del 2013. Riuscii finalmente a darmi delle risposte a domande che mi ponevo da tempo. Mi resi conto che io non ero la Fibromialgia, ma ero molto, molto di più.

logo La Fibromialgia, secondo me

Io non volevo più stare nello scaffale “Fibromialgia” in cui i medici mi avevano inserita appiccicandomi addosso un’etichetta che comprometteva totalmente la mia identità.

Ho impiegato anni prima di poter essere asintomatica perché mi ci è voluto del tempo per trovare le persone giuste a cui affidarmi.

È stato un vero e proprio lavoro di squadra certosino che agisce in sinergia con più professionisti… Bisogna darsi la possibilità di osare, di sperimentare, di “fallire”, di riprovare e riprovare ancora senza mai perdere le speranze.

Il dolore mi ha dato la forza di spingermi oltre ogni limite e di approcciarmi a questo lavoro con totale fiducia e, nel tempo, il modo in cui ho scelto di affrontare la Fibromialgia è stato premiato.

Ci tengo a sottolineare che non sono un medico e ci tengo a sottolineare che tutto ciò che condivido è basato sulla mia storia personale, sui miei studi, sulle mie ricerche  e non sostituisce alcun tipo di trattamento farmacologico e psicologico.

Lungo il mio cammino, ho incontrato tutte le persone di cui avevo bisogno per tornare a vivere in equilibrio… E non si tratta di fortuna, io quelle persone me le sono andate a cercare, ho macinato km e km, ho studiato, ho frequentato corsi, ho applicato la teoria, mi sono impegnata, ho dedicato tutto il mio tempo libero alle cure, agli esercizi, alla ricerca e speso tutto quello che avevo pur di stare bene.

Sono consapevole che c’è chi se ne approfitta di chi soffre, è capitato anche a me di finire nelle mani di ciarlatani, farabutti e di gente che mi ha trattata a pesci in faccia dandomi dell’ipocondriaca, ma non sono riuscita a fermarmi perché io volevo tornare a vivere.

Questo per dirvi che, dietro alla mia asintomaticità, oltre ad un profondo lavoro di crescita personale svolto con una Life Coach e ad altri mentori incontrati negli anni, c’è un team di professionisti molto preparati che mi ha fornito tutti gli strumenti per raggiungere il mio obiettivo, e che desidero presentarvi affinchè possiate comprendere a chi affidarsi e quali sono gli aspetti da prendere in considerazione per lasciare andare tutto questo dolore.

Questo percorso vuole darvi la possibilità di evitare ad ognuno di voi di andare per tentativi, voglio risparmiarvi la fatica che ho fatto io in questi anni, voglio darvi la possibilità di accorciare i tempi e focalizzarvi su ciò che è davvero importante e soprattutto voglio farvi risparmiare tutti i soldi che ho investito in questi 6 anni in cure, medicine, visite specialistiche, scuole, corsi, sessioni di coaching, esperimenti, benzina per raggiungere chiunque potesse darmi delle risposte.


Ma ricordatevi una cosa importantissima che determinerà il vostro risultato.

Noi ci mettiamo la conoscenza e l’esperienza, tu ci metti l’impegno!!!

ISCRIVITI OGGI

Cosa dicono di me

Mi piace tantissimo il modo che hai di esprimerti e farci capire tutto ciò che dici, spieghi le cose in modo naturale e gentile, era quello che mi mancava, una persona comprensiva che non mi metta fretta e che rispetti i miei tempi, purtroppo non è facile. Un abbraccio e grazie per tutto ciò che fai per noi.❤❤❤

Maria Rosaria

Sei fantastica, hai un modo di impostare il tuo lavoro e di arrivare al cuore delle persone davvero unico.

Raffaella

Vittoria volevo ringraziarti per quanto stai facendo, i tuoi consigli sono sempre molto utili e soprattutto il gruppo che hai creato dà proprio l’idea di una grande famiglia. La condivisione dei tuoi pensieri ed esperienze è qualcosa di speciale.

Barbara

Io credo che tu sia incredibile, un’icona da seguire e se bisognerà fare dei sacrifici per poter riuscire a stare bene come te io ci sto.. Mi piacciono i tuoi pdf come li rappresenti i disegni la tua fantasia e la tua creatività riesce ad attrarre sempre la mia attenzione …grazieeee

Teresa

Per me sei stata un faro nel buio della notte…. Hai acceso la speranza che avevo perso parlando con i medici.

Silvia

Adoro il modo in ti poni e come comunichi! E’ come se ti conoscessi e se fossi un po’ un’Amica a cui confidare i propri problemi e che sa comprendere senza giudicare!

Stefania

Non tutti ottengono dei risultati!

Non tutti ottengono dei risultati!

Perchè come accade in qualsiasi percorso, non tutti ottengono dei risultati.

Sono pochi i Fibromialgici che ho incontrato in questi anni che realmente volevano uscire dal dolore della Fibromialgia.

Ne ho seguiti a centinaia, ho trascorso con loro migliaia di ore e ho verificato che solo una piccola percentuale sceglie davvero di mettersi in gioco e di impegnarsi al 100%.

  • Molti si lamentano senza agire.
  • Alcuni si impegnano il primo mese e poi gettano la spugna.
  • Altri preferiscono crogiolarsi nel ruolo di vittime continuando a compiangersi.
  • Altri ancora trovano tutte le scuse possibili e immaginabili per non mettersi in gioco.
  • Tanti si rifiutano di cambiare atteggiamento e rimangono focalizzati su ciò che la Fibromialgia sta togliendo loro, senza rendersi conto che così facendo non raggiungeranno alcun obiettivo.

Ho sperimentato quanto siamo maestri insuperabili nel creare alibi, pur di non prenderci la responsabilità della nostra vita, quanto sia molto più semplice dare la colpa al nostro passato, all’educazione ricevuta, al rapporto negativo con i genitori, al fallimento di una relazione.

Spesso permettiamo persino che insorga un sentimento di vendetta verso chi reputiamo responsabile della nostra sofferenza, convinti come siamo che questa sia la soluzione per liberarci da tanto dolore.

Innumerevoli sono stati i casi in cui Fibromialgici devastati dal dolore abbiano risposto al mio consiglio di eliminare completamente lo zucchero dalla loro alimentazione con un rifiuto secco a metterlo in pratica! “Il caffè amaro non riuscirò mai a berlo!” sentenziano con un tono scocciato!

Meglio il dolore lancinante pur di non rinunciare al caffè con un bel cucchiaino di zucchero!

Sia quindi ben chiaro ed evidente che vincere la Fibromialgia vuol dire essere disposti a cambiare anche le proprie abitudini e non solo alimentari!

Raggiungere l’asintomaticità è un lavoro che necessita di un impegno totale in ogni aspetto e settore della vostra vita, richiede del tempo, comporta un atteggiamento propositivo, presuppone grande forza di volontà e soprattutto tanta voglia di farcela, moltissima resilienza e costante determinazione.

Se alle prima difficoltà mi fossi fatta prendere dallo sconforto oggi non sarei qui a proporti quella che per me è stata la soluzione a tanto dolore.

Questo progetto è per me la realizzazione di un sogno. La sua attuazione ha richiesto tempo, dedizione, una grandissima dose di pazienza testardaggine. Non poche sono state le difficoltà e gli ostacoli incontrati lungo il cammino!

È proprio il superamento di molte prove che ha richiesto così tanto tempo per arrivare a trasformare il mio sogno in realtà.

  • Per anni ho aiutato centinaia di Fibromialgici contando solo sulle mie forze. Non vi nego che spesso ho temuto di non essere in grado di soddisfare le loro aspettative. Dubbi smentiti da chi si è affidato a me in questi anni.
  • Aver dedicato la maggior parte del mio tempo allo studio e alla ricerca mi aveva permesso di acquisire moltissima conoscenza, ma non avevo le competenze e i titoli necessari per potervi aiutare a 360 gradi.
  • Ho ricevuto offese, ingiurie, provocazioni di una cattiveria gratuita e insensata che alle volte sono riuscita a scalfire la mia determinazione, portandomi a valutare di cambiare completamente lavoro e vita.
  • Le richieste di aiuto ricevute nel corso degli anni sono state davvero tantissime e spesso difficili da sostenere da sola. Non avevo modo di confrontarmi con altri professionisti che mi potessero fornire il loro supporto.
  • Ho sempre vissuto il mio impegno ad aiutare i Fibromialgici non come un lavoro, bensì come una missione. Non ho mai mancato di rispondere ad una mail, ad un messaggio, ad una richiesta di aiuto a chiunque me la rivolgesse, anche a chi non aveva scelto di affrontare un percorso con me.
  • Il numero di richieste è sempre stato talmente alto da azzerare completamente il mio tempo libero, a discapito ovviamente della mia vita privata.
  • Occuparsi di un Fibromialgico significa accompagnarlo a rivedere e spesso a stravolgere ogni aspetto della sua vita. Vi confesso che a volte il peso di questa responsabilità, che scelgo quotidianamente di assumermi, è molto impegnativo da sostenere.

Tutto questo ha messo alla prova (e non poco) la mia forza di volontà.

Ricordo come se fosse ieri il giorno in cui disegnai con cura su un foglio il logo che volevo rappresentasse il percorso “La Fibromialgia, secondo me”!

logo disegno fibromialgia secondo me

Dopo aver investito tutto ciò che avevo, arrivai a confezionare il corso completo. E proprio quando tutto era pronto per il lancio, decisi di rinunciarvi. La paura prese il sopravvento e così gettai la spugna! In quel momento vissi un periodo di repulsione verso la Fibromialgia, non volevo più parlarne, non volevo più occuparmene, desideravo riprendere in mano la mia vita privata che nemmeno sapevo più cosa fosse!

Abbandonai l’idea di lanciare il progetto, e mi resi ben presto conto che, nonostante la mia assenza dal web da circa due mesi, continuavo a ricevere moltissime richieste disperate di aiuto e supporto. È stato in questo frangente che la voce della mia coscienza mi riportò sui miei passi: non potevo permettermi di buttare anni di lavoro, ricerca, studio, esperienza proprio ora che ero ad un passo dalla realizzazione del mio sogno!

Sono stata incoraggiata a continuare la mia missione da chi aveva già scelto di affidarsi a me, intraprendendo un percorso di Coaching che aveva dato ottimi risultati e significativi miglioramenti.

Mi sono lasciata convincere nella scelta di proseguire il mio lavoro, seppur non vi nego fossi tornata a svolgerlo controvoglia.

La quantità di richieste di aiuto era davvero insostenibile, così come insopportabili erano ormai diventati il dolore e la rabbia che spesso i Fibromialgici riversavano su di me, come fossi io la causa del loro malessere.

Finchè poi accadde qualcosa.

Questo progetto è per me la realizzazione di un sogno. La sua attuazione ha richiesto tempo, dedizione, una grandissima dose di pazienza testardaggine. Non poche sono state le difficoltà e gli ostacoli incontrati lungo il cammino!

È proprio il superamento di molte prove che ha richiesto così tanto tempo per arrivare a trasformare il mio sogno in realtà.

  • Per anni ho aiutato centinaia di Fibromialgici contando solo sulle mie forze. Non vi nego che spesso ho temuto di non essere in grado di soddisfare le loro aspettative. Dubbi smentiti da chi si è affidato a me in questi anni.
  • Aver dedicato la maggior parte del mio tempo allo studio e alla ricerca mi aveva permesso di acquisire moltissima conoscenza, ma non avevo le competenze e i titoli necessari per potervi aiutare a 360 gradi.
  • Ho ricevuto offese, ingiurie, provocazioni di una cattiveria gratuita e insensata che alle volte sono riuscita a scalfire la mia determinazione, portandomi a valutare di cambiare completamente lavoro e vita.
  • Le richieste di aiuto ricevute nel corso degli anni sono state davvero tantissime e spesso difficili da sostenere da sola. Non avevo modo di confrontarmi con altri professionisti che mi potessero fornire il loro supporto.
  • Ho sempre vissuto il mio impegno ad aiutare i Fibromialgici non come un lavoro, bensì come una missione. Non ho mai mancato di rispondere ad una mail, ad un messaggio, ad una richiesta di aiuto a chiunque me la rivolgesse, anche a chi non aveva scelto di affrontare un percorso con me.
  • Il numero di richieste è sempre stato talmente alto da azzerare completamente il mio tempo libero, a discapito ovviamente della mia vita privata.
  • Occuparsi di un Fibromialgico significa accompagnarlo a rivedere e spesso a stravolgere ogni aspetto della sua vita. Vi confesso che a volte il peso di questa responsabilità, che scelgo quotidianamente di assumermi, è molto impegnativo da sostenere.

Tutto questo ha messo alla prova (e non poco) la mia forza di volontà.

Ricordo come se fosse ieri il giorno in cui disegnai con cura su un foglio il logo che volevo rappresentasse il percorso “La Fibromialgia, secondo me”!

Dopo aver investito tutto ciò che avevo, arrivai a confezionare il corso completo. E proprio quando tutto era pronto per il lancio, decisi di rinunciarvi. La paura prese il sopravvento e così gettai la spugna! In quel momento vissi un periodo di repulsione verso la Fibromialgia, non volevo più parlarne, non volevo più occuparmene, desideravo riprendere in mano la mia vita privata che nemmeno sapevo più cosa fosse!

Abbandonai l’idea di lanciare il progetto, e mi resi ben presto conto che, nonostante la mia assenza dal web da circa due mesi, continuavo a ricevere moltissime richieste disperate di aiuto e supporto. È stato in questo frangente che la voce della mia coscienza mi riportò sui miei passi: non potevo permettermi di buttare anni di lavoro, ricerca, studio, esperienza proprio ora che ero ad un passo dalla realizzazione del mio sogno!

Sono stata incoraggiata a continuare la mia missione da chi aveva già scelto di affidarsi a me, intraprendendo un percorso di Coaching che aveva dato ottimi risultati e significativi miglioramenti.

Mi sono lasciata convincere nella scelta di proseguire il mio lavoro, seppur non vi nego fossi tornata a svolgerlo controvoglia.

La quantità di richieste di aiuto era davvero insostenibile, così come insopportabili erano ormai diventati il dolore e la rabbia che spesso i Fibromialgici riversavano su di me, come fossi io la causa del loro malessere.

Finchè poi accadde qualcosa.

Ecco come è nato il percorso!logo La Fibromialgia, secondo me

Ecco come è nato il percorso!

Il mio desiderio più grande fu quello di voler creare un team di professionisti che avrebbero supportato le mie idee e i miei studi, in modo da rendere tangibile il mio sogno. Questo intento, che mi ha accompagnata negli ultimi due anni, mi ha portato ad incontrare lungo il mio percorso professionisti e collaboratori che non solo avvaloravano le mie teorie e condividevano le mie stesse idee, disposti ed entusiasti di entrare a far parte del mio progetto.

È grazie a questi medici, professionisti ed esperti di crescita personale a livello mondiale, ho trovato il coraggio necessario per arrivare a proporvi il percorso “La FIbromialgia, secondo me”, un progetto rivoluzionario che spiega come  CURARE LE CAUSE PER SCONFIGGERE I SINTOMI e andare incontro l’asintomaticità.

É con grandissimo orgoglio e gratitudine che ora vi presento chi ha scelto di salire a bordo per accompagnarci in questo viaggio:

Dott. raffaele pastore

Dott. Raffaele Pastore

Ha esperienza pluriennale di medicina integrata, omeopatia, kinesiologia applicata, diagnostica vega, psiconeuroendocrinoimmunologia, nutrizione integrata, ecologia clinica e PNEI nella terapia delle malattie inifiammatorie croniche intestinali. Gli è stata diagnosticata la Fibromialgia nel 2014. È asintomatico dal 2016. Dal 2017 si impegna a passare il favore a coloro che soffrono di fibromialgia e stanchezza cronica.

Ci parlerà di stanchezza cronica secondo la visione della  Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia e del perché ci sentiamo sempre sfiniti, dell’ inquadramento dello stress e dell’infiammazione.

Ci spiegherà come riconoscere le cicatrici attive e perché possono essere causa di molti disturbi. 

Inoltre ci farà chiarezza amalgame e su foci dentari, e perché é importante riconoscerli nonchè trattarli per prevenire foci infiammatori e intossicazione da metalli pesanti. 

Infine ci parlerà di oli essenziali per la salute, ritenuti fondamentali per l’ equilibrio del nostro intestino e di tutto il nostro corpo.

giorgia pastore

Giorgia Pastore

È diplomata con Lode presso la Scuola Quadriennale di Naturopatia. Iscritta al terzo anno di Psicologia. È Consulente di educazione al benessere per prevenire intolleranze e sensibilizzazioni alimentari. Medicina Tradizionale Cinese: Moxibustione e coppettazione. Tecniche riflesse: riflessologia plantare e auricoloterapia. Floriterapia di Bach.

Ci spiegherà come é cambiata la nostra alimentazione durante il percorso evolutivo umano, dalla preistoria fino ad oggi e quali modifiche sono avvenute nel nostro metabolismo e come gestirle al meglio per vivere in salute.

Ci elencherà quali cibi preferire, quali evitare e farà chiarezza sul perché è fondamentale seguire una corretta alimentazione per prevenire i disturbi digestivi da sensibilizzazione alimentare, la permeabilità intestinale e gli altri squilibri del secondo cervello.

Inoltre ci illustrerà cosa significa il termine drenaggio e perché é importante disintossicare i nostri organi emuntori a partire da fegato ed intestino.

Giorgia ci accompagnerà in questo bellissimo viaggio alla riscoperta del benessere e alla cura del nostro corpo.

Dott. Roberto Bono

Dott. Roberto Bono

Dott. in Scienze Motorie. Massofisioterapista Master in Posturologia – “La Sapienza” Roma. Diplomato Mézières. Docente Posturologia facoltà di Scienze Motorie c/o Univ-Cattolica Milano e Docente c/o Scuola Alta Formazione in Vocologia artistica Univ Foniatra Bo-Ra. Studio di Posturologia Clinica c/o Postural Service Milano.

Insieme capiremo come la postura che ognuno di noi esprime, altro non è che il risultato di fattori (spesso sconosciuti e/o poco considerati) che durante il nostro vissuto ci toccano e “lasciano il segno”: dai traumi fisici, a quelli emozionali, a elementi di tossicità che “entrano” nel nostro sistema corpo, a problematiche legate alla vista, udito, deglutizione, denti, visceri, e soprattutto, ripeto, soprattutto al respiro, quindi al DIAFRAMMA. 

Questo muscolo straordinario, che ha il potere di registrare e trattenere ogni nostro stato d’animo giocando il ruolo del regista tra emozioni e tensioni muscolari.

Dietro le quinte di questo “palcoscenico posturale” , il STP (Sistema tonico posturale) modula lo stato tensivo delle catene muscolari adattando costantemente la postura, ecco come, nel caso di Fibromialgia, tale sistema debba far fronte a tutti quelli che sono i disturbi che ne derivano, gestendo anche le ripercussioni sul piano posturale. 

Ciò comporta maggiore spesa energetica, maggior stress nervoso, alterazione delle funzioni, dell’umore, dell’energia.

Di seguito le tematiche che affronteremo con il Dott. Roberto Bono:

• Cos’è la postura
• Postura e Fibromialgia
• Il metodo Raggi al servizio del paziente Fibromialgico
• Le leggi fondamentali della postura
• Il STP sistema tonico posturale
• Quali elementi, presenti nella vita di ognuno hanno il potere di perturbare la postura,   ovvero le cause delle alterazioni posturali
• L’approccio globale al paziente senza dare nulla per scontato
• Il vissuto del paziente, ovvero gli elementi che più hanno “segnato” la postura. 
• La traccia cronologica del vissuto del paziente, un grande aiuto per la ricerca delle cause
• Il dolore come intelligente campanello d’allarme
• Dolori, infiammazioni e patologie
• I compensi come forma di difesa dal dolore
• Le catene muscolari
• Diaframma, Respiro, Vita e Postura

Dott.ssa Emma Rosaia

Laurea in medicina e chirurgia Spec. Odontostomatologia. Fin dalla tesi di laurea in medicina si occupa delle patologie dell’ATM (articolazione temporomandibolare) e delle alterazioni posturali ad essa correlate. Dal dolore osteoarticolare alle cefalee associate allo squilibrio posturale. Lavora in team con osteopati e logopedisti per ottenere un risultato riabilitativo più duraturo.

Si occupa delle patologie dell’ATM, (articolazione temporo-mandibolare) in particolare delle algie di questa articolazione legate sia a problematiche articolari che muscolari.

Tutto ciò è da inquadrarsi in una visione più ampia considerando questa articolazione come un bilanciere che deve compensare o essere compensata da alterazioni posturali del corpo in toto.

La Dr.ssa Rosaia ci racconterà come a volte alterazioni  dell’articolazione temporo-mandibolare legata a malformazioni ossee o a malocclusione, possa creare disequilibri muscolo scheletrici provocando algie sia locali che in altri distretti.

Il tutto può essere valutato mediante varie tipologie di esami strumentali. Se esiste asimmetria della posizione articolare con annessa alterazione muscolare si può intervenire con protesi o ortodonzia o bite di riposizionamento mandibolare in dipendenza del caso clinico valutato.

pharmalab

Pharmalab24

Una delle poche aziende nutraceutiche italiane che ha mantenuto la capacità e il coraggio di sviluppare credendo fermamente nella Ricerca Individuale, alla quale dedica sempre maggiori forze ed investimenti.

Pharmalab24 ci illustrerà il razionale scientifico alla base dello sviluppo dei prodotti FIBRO24 e CONDRO24, partendo dall’osservazione delle manifestazioni sintomatologiche della Fibromialgia, utilizzando i risultati positivi ottenuti da molti laboratori e centri di ricerca sparsi per il mondo ed arrivando a sfruttare sinergie tra molecole naturali che singolarmente hanno dimostrato efficacia per formulare prodotti in grado di alleviare i sintomi più invalidanti della Fibromialgia come  il dolore neuropatico, l’astenia (che comprende la scarsa qualità del sonno) e il Fibro Fog.

Lucia Giovannini

Lucia Giovannini

Da 25 anni tiene corsi e conferenze di crescita personale, per privati ed aziende, in tutta Europa e in Asia. Nel suo lavoro si innesca una particolare sinergia tra tecniche di psicologia tradizionale, pratiche motivazionali e antichi rituali, rendendo i suoi seminari qualcosa di unico ed originale.

Parleremo dell’importanza di comprendere quali sono le cause che hanno generato uno stato di salute sofferente e il perché spegnere i sintomi con una pillolina magica non sia la soluzione.

Lucia ci spiegherà come imparare a “dialogare” con il nostro corpo e a riconoscere i segnali che ci manda attraverso una nuova consapevolezza ed esercizi pratici per entrare maggiormente in connessione con le parti doloranti e portare sollievo.

Ci darà la possibilità di capire come gestire le nostre emozioni, ci focalizzeremo principalmente sulla rabbia  e su cosa accade nel corpo se non viene espressa.  Ormai lo dice anche la fisica quantistica che esiste una forte correlazione tra dolore psichico (mente) e dolore fisico.

Ci insegnerà a diventare più consapevoli di ciò che accade nel nostro corpo, impareremo a rilassare quelle parti che ci provocano sofferenza e a prenderci cura del nostro subconscio osservando i nostri pensieri.

Lucia ha voluto portare il suo contributo perché ha visto con i suoi occhi che, se affrontata a 360 gradi, la Fibromialgia può essere trasformata in un dono. 

Proprio per questo motivo, affronterà il tema del cambiamento, argomento che molti temono, e di quanto questo possa generare paura nell’affrontarlo ma, grazie a lei, sapremo come trasformarla a nostro favore.

Vittoria aggiunge:

“Avere una guida spirituale così preparata, con più di 25 anni di esperienza alle spalle e un know how così ampio, con la quale ho potuto condividere molto tempo, sia in Italia che a Bali che in Tailandia, credo sia un valore aggiunto inestimabile per tutti noi.”

Claudio Pelizzeni

Claudio Pelizzeni

Da bancario a viaggiatore e scrittore di successo. Nella vita ha scelto di stare dalla parte dei sogni e di non farsi bloccare da niente, nemmeno da un compagno di viaggio scomodo come il diabete tipo 1. Vivere a cuor leggero in giro per il mondo, gustandosi ogni dettaglio, con calma e spesso in solitaria, è ciò che più lo fa sentire vivo e il suo esempio è stato fonte di grande ispirazione per molti.

Ci racconterà quanto l’atteggiamento sia fondamentale per affrontare le difficoltà  e trasformarle in opportunità e di come sia importante non farsi influenzare dai luoghi comuni o da ciò che le persone intorno a noi vorrebbero.

Parleremo di come realizzare i propri sogni stia alla base di una vita straordinaria, nonostante alle volte non sia proprio facile seguire il cuore e mettere a tacere la mente.

Claudio ha imparato a godere di ogni attimo della sua vita e per fare questo ha compreso quanto la meditazione e il silenzio siano due compagni di viaggio fondamentali per il suo benessere psico-fisico.

Ci racconterà perché “andar piano” in un mondo che ti obbliga a vivere costantemente sotto stress, gli abbia regalato una nuova consapevolezza e gli abbia permesso di godere di quelle piccole cose che oggigiorno in molti danno per scontato come per esempio il tempo, un abbraccio, il donarsi agli altri o un incontro apparentemente casuale.

Claudio è consapevole che tutto ciò che ci accade nella vita ha sempre un senso, e insieme a lui avremo modo di capire quanto un compagno di viaggio scomodo come il  Diabete tipo 1 sia stato per lui un grande maestro di vita.

Ci racconterà come alcune scelte abbiano completamente stravolto la sua vita in positivo e quanto sia stato duro in certi momenti il cambiamento. 

Tratteremo temi come il coraggio, la voglia di sentirsi liberi sopra ogni cosa, il desiderio di condivisione, l’amore per i viaggi, la potenza del silenzio.

Claudio ha concluso da poco il Cammino di Santiago partendo a piedi da Piacenza, percorrendo più di 2000 km in soli 72 giorni, facendo il voto del Silenzio.

Per questo ragazzo, che dopo aver attraversato il mondo senza aerei in 3 anni, diventando il travel blogger più famoso d’Italia, il Cammino ha rappresentato un ritorno all’essenza.

Muoversi secondo le stagioni e il ritmo del sole, è stato un disconnettersi dal mondo per tornare ad ascoltare sé stesso, il suo corpo, i suoi pensieri.

Ha scelto di andare piano per mettersi all’ascolto di sé e nella sua intervista ci racconterà quanto fare silenzio sia fondamentale per ritrovare le energie giuste per affrontare la quotidianità e rimanere focalizzati sui propri obiettivi.

Saper mettere a tacere la vocina interiore che tende ad autosabotarci grazie alla meditazione e riconnettersi alla propria essenza sono la combo perfetta che serve ad ogni essere umano per vivere gustandosi ogni attimo e abbandonare la fretta di arrivare alla meta nel più breve tempo possibile.

Dora Preszeller

Dora Preszeller

Istruttrice di meditazione e DANCE mandala, meditazione in movimento. Ha vissuto 3 anni in Thailandia studiando e lavorando con i monaci buddisti. Organizza dei ritiri di successo in Asia e ora offre anche dei corsi di sviluppo personale sulle isole Eolie.

Ci spiegherà cos’è e cosa non è la meditazione, ci chiarirà le idee sui benefici, su come prepararsi a meditare, su quali sono le tecniche migliori da applicare, quali potrebbero essere gli ostacoli da superare, le resistenze che potrebbero emergere e come fare a risolverle.

Durante la nostra intervista Dora si confida: “Ho visto tantissime persone che soffrivano d’insonnia tornare a dormire profondamente, persone perennemente in disequilibrio che soffrivano di mal di testa cronici, di dolori articolari e altri sintomi invalidanti che, grazie alla meditazione costante, sono riuscite ad abbassare il livello di cortisolo nel corpo causato da tanto stress e oggi sono energiche, felici e molto più concentrare e focalizzate, hanno più coraggio e, come per magia, i loro sintomi sono un lontano ricordo.”

Dora sostiene che la meditazione sia uno strumento potentissimo per migliorare la qualità della propria vita, per gestire il dolore fisico, le difficoltà, per far fronte ai periodi no, per rilassarsi e per conoscersi a fondo e sperimentare un viaggio interiore alla scoperta di sé.

Federica Iacono

Federica Iacono

È insegnante certificata Heal Your Life®, Life Coach, Grafologa e Moon Mother®. Attualmente studia cristalloterapia e grafologia giudiziaria. La voglia di crescere e migliorare se stessa l’hanno portata a viaggiare e ad approfondire vari percorsi che ama fondere insieme, con l’obiettivo di facilitare il cammino alle persone verso la rinascita e la riscoperta dei propri talenti unici.

Federica ci parlerà dell’importanza della pulizia personale a livello energetico. La maggior parte delle persone non sa che l’aurea di ognuno di noi assorbe le energie esterne e che periodicamente va ripulita.

Se vogliamo vivere bene il rapporto con noi stesse, dobbiamo recuperare la consapevolezza che il nostro corpo non è solo materia, ma un’esperienza luminosa fatta dell’alchimia tra corpo, mente, emozioni e spirito.  Trascurare solo uno di questi quattro aspetti fondamentali ci porta un disequilibrio che si può manifestare in svariati modi. Tendenzialmente siamo più attenti ai sintomi del corpo, che spesso sono i più “rumorosi”. In alcune malattie o sindromi, i sintomi sono così forti che lo percepiamo anche su un livello psicologico ed emozionale.

Ma possibile che questa cosa accada solo per alcune malattie? O siamo forse noi “sordi” ai malesseri che non provengono dal corpo? Essendo meno evidenti ed eclatanti tendiamo a trascurarli. Tutti noi lo abbiamo fatto. Alle volte ci preoccupiamo più di qualche linea di febbre piuttosto che della tristezza nata da una grossa delusione. 

C’è un aspetto che spesso (proprio perché non evidente per antonomasia) non viene considerato: lo spirito. Al di fuori di qualsiasi abito religioso, c’è una parte di noi impalpabile, una essenza sottile che per molti è l’anima, per altri lo spirito, per altri ancora la vita. La cosa importante è tenerne conto e capire come interagire con questo nostro “corpo immateriale”. 

Praticare trattamenti energetici che innalzano le nostre vibrazioni e ci aiutano a rilasciare vecchie energie ristagnanti è fondamentale per il nostro benessere a 360^. 

Il nostro corpo attraverso i sintomi ci parla dei nostri malesseri più profondi, malesseri che possono avere molteplici cause ma che coinvolgono tutto il nostro essere. Solo lavorando su tutti i livelli possiamo avere una guarigione completa e duratura.

Proseguiremo parlando del sistema energetico femminile secondo Miranda Gray, il mondo delle Moon Mother e i benefici che porta la Womb Blessing. Parleremo del centro energetico del grembo, del perché sia così importante per noi donne e cosa possiamo fare concretamente per riallinearci ad esso. 

Si parlerà anche dell’importanza del ciclo mestruale e dei doni che portano i quattro archetipi femminili: Crona, Vergine, Madre ed Incantatrice. Infine affronteremo uno degli argomenti più importanti per la vita di una persona: l’amore per se stessi e da dove cominciare questo lungo e meraviglioso viaggio di riconnessione con la nostra parte più intima.

Elsa

Elsa

Ho trasformato la Fibromialgia nella più grande opportunità della mia vita. Un viaggio straordinario alla scoperta di me stessa. Il mio incontro con Vittoria è la testimonianza della magia che la vita sottende.

Per me Vittoria è una donna dalla sensibilità unica, con una capacità incredibile di saper accogliere e porsi in ascolto, una professionista seria, competente, sempre presente che, non solo mi ha trasmesso il coraggio e la forza per affrontare quel mostro, ma ha saputo fornirmi tutti gli strumenti, i mezzi e le strategie per combatterlo. 

E, quella che inizialmente era una battaglia contro una malattia, si è trasformata nel più bel viaggio della mia vita alla scoperta di me stessa. Viaggio in cui Vittoria mi ha insegnato a trasformare la Fibromialgia in opportunità, la sofferenza in coraggio, il dolore in gioia, la rabbia in energia costruttiva, portandomi ad agire sempre nel rispetto di me stessa. Un’esperienza che mi ha cambiato completamente la vita e di cui voglio essere testimone in questa intervista.

Ci sono incontri che non solo ti salvano la vita ma ti insegnano a sperimentarla in modo straordinario e io, durante la mia intervista, voglio proprio raccontarvi come tutto questo sia stato possibile! 

ll problema non sta mai in ciò che ci accade, bensì nel modo in cui decidiamo di affrontarlo. In questa intervista vi racconto di come Vittoria abbia avuto un ruolo fondamentale non solo nel condurmi verso l’asintomaticità ma nel regalarmi una visione della vita talmente nuova da permettermi di sperimentare l’esistenza in uno stato di gioia costante.

Marina

Marina

Grazie alla Fibromialgia sto lasciando andare il passato e sto imparando a perdonare con amore per ricominciare da qui, adesso, questo meraviglioso viaggio che si chiama vita.

Dopo aver incontrato Vittoria e intrapreso un percorso di crescita personale con lei ho compreso quanto il dialogo interiore, le affermazioni positive, la riconnessione con noi stessi in termine di accettazione siano fondamentali. 

Sono fibromialgica da almeno trent’anni e nel mio percorso ho incontrato medici, guru e ciarlatani ma ho anche incontrato professionisti seri che mi hanno indirizzata verso la medicina alternativa come l’omeopatia, la riflessologia plantare e altre pratiche olistiche, a mio avviso molto valide ma che mi hanno solo aiutata temporaneamente, ma non hanno mai risolto il problema alla radice. 

Incontrare Vittoria è stata la chiave di volta, da subito ho sentito la straordinaria sintonia, per la prima volta mi sono resa conto che chi avevo davanti capiva, non solo il mio malessere, ma ogni sfumatura della mia personalità. È stata un’emozione inspiegabile, un’emozione che mi sta cambiando la vita e mi sta dando la possibilità di riprendere in mano la mia vita sotto ogni aspetto.

Durante la mia intervista vi racconterò come tutto questo sia potuto succedere in così poco tempo dal nostro incontro.

calendario bianco ottobreDal 21 Ottobre, data di inizio della seconda edizione del percorso “La Fibromialgia, secondo me”, Vittoria dedicherà tutto il suo tempo e le sue energie SOLO agli iscritti.

calendario bianco ottobreDal 21 Ottobre, data di inizio della seconda edizione del percorso “La Fibromialgia, secondo me”, Vittoria dedicherà tutto il suo tempo e le sue energie SOLO agli iscritti.

CLICCA QUI E ISCRIVITI AL PERCORSO!

Le motivazioni di Vittoria di seguire solo gli iscritti al percorso, a partire dal 21 Ottobre 2019 2019, sono molteplici:

  • In questi ultimi 6 anni sa di aver condiviso gratuitamente sul web  tutto ciò che ha appreso, studiato, imparato e sperimentato per aiutarvi a comprendere come fare a uscire dal dolore della Fibromialgia

Se verrò a conoscenza di altro, sarà mia premura condividerlo gratuitamente con voi, perché io non mi fermo, non mi sento arrivata, perché per alcuni quello che io propongo non funziona, e io voglio ad arrivare ad aiutare anche quella percentuale di persone.

  • Ha dedicato migliaia di ore a rispondere a richieste di aiuto impiegando tutte le sue energie al supporto di chi soffre di dolore cronico, privandosi del proprio tempo libero. Poiché le richieste di aiuto stanno raggiungendo un numero per lei insostenibile, oggi sceglie di dedicarsi solo a coloro che si impegnano, sotto ogni punto di vista, ad affrontare questo nuovo percorso.

  • Vittoria rimane disponibile per tutti coloro che vorranno intraprendere un percorso di crescita personale one to one, indipendentemente dall’iscrizione al nuovo progetto “La Fibromialgia, secondo me” MA NON AVRÀ PIÙ IL TEMPO PER RISPONDERE AD UNA MEDIA DI 50 RICHIESTE DI AIUTO TRAMITE EMAIL, MESSAGGI, POST, VOCALI, CHE RICEVE IN UN GIORNO.

  • All’interno del gruppo “Fibromialgia e Testimonianze”, sul sito e nella pagina Facebook,  rimarranno pubblicati tutti i contenuti gratuiti condivisi in questi anni.

Sei ancora indecisa?

Sei hai dei dubbi o delle domande e vuoi maggiori informazioni sul percorso, hai la possibilità di prendere un appuntamento telefonico di 15 minuti con Vittoria per capire se questo percorso fa per te!

Come fare?

Ti basterà scrivere un’email a: info@vittoriadiamanti.it e fissare un appuntamento. Ti chiedo fin da ora la gentilezza di RISPETTARE IL TEMPO che Vittoria metterà a tua disposizione per fare due chiacchiere con te per rispondere alle tue domande.

Domande frequenti:

Il corso è online e puoi seguirlo all’interno del gruppo Facebook chiuso appositamente dedicato. Quotidianamente riceverai nuovi contenuti attraverso dei video o dirette Facebook che potrai rivedere ogni volta che vorrai fino al 31 Gennaio 2020.

Per accedere al corso è necessario avere una connessione ad internet e un profilo Facebook. Riceverai tutte le informazioni via email per entrare nel gruppo chiuso dedicato a cui potrai accedere utilizzando il tuo profilo Facebook.

Il corso inizia il 21 Ottobre e si concluderà il 02 Dicembre. Il gruppo rimarrà attivo fino al 31 Gennaio 2020 per darti la possibilità di riguardare con calma tutti i contenuti, dopodichè il gruppo verrà chiuso.

Per partecipare al corso è necessario completare la procedura di acquisto sul mio sito web, cliccando qui. Da questa seconda edizione è possibile anche pagare in due rate! Aggiungi il prodotto al carrello e segui la procedura: puoi pagare con paypal oppure con carta di credito. Una volta completato il pagamento riceverai un’email di conferma dell’iscrizione. Sempre via email riceverai tutte le informazioni per accedere al gruppo Facebook dedicato i giorni prima dell’inizio del corso.

Riceverai un’email di conferma della tua iscrizione, che dovrai conservare per poter accedere al gruppo chiuso quando inizierà il corso. Nei giorni successivi riceverai un’email con tutte le istruzioni necessarie per accedere al gruppo Facebook “La Fibromialgia, secondo me” e la liberatoria da re-inviare firmata tramite e-mail tassativamente entro il 20 ottobre 2019.

Una volta partito il corso, potrai scrivere all’interno del gruppo le tue domande nei commenti sotto ai video, e appena possibile ti verrà data risposta. Se, invece, desideri approfondire alcune tematiche personali, avrai la possibilità di contattarli privatamente e fissare un appuntamento a pagamento.

Certamente, proprio come lo era all’interno del gruppo gratuito “Fibromialgia e Testimonianze”. Per tutta la durata del percorso (dal 21 Ottobre al 02 Dicembre) potrai fare riferimento a Vittoria.

All’interno del percorso troverai nuovi articoli, video, testimonianze, interviste ed esercizi che non sono mai stati condivisi gratuitamente sul web. Tutte le tematiche affrontate in questi anni verranno approfondite direttamente dal professionista di riferimento. Inoltre, potrai interagire con Vittoria, con i componenti del gruppo e con tutto il suo team dal 21 Ottobre al 02 Dicembre.

I contenuti del corso resteranno disponibili fino al 31 Gennaio 2020 , all’interno del gruppo Facebook, per darti la possibilità di riguardare con calma tutti i contenuti, dopodichè il gruppo verrà chiuso definitivamente. Il team di professionisti, invece, rimarrà a disposizione sino al 02 Dicembre, Vittoria compresa. Se dovessero insorgere dubbi o domande potrete fissare un appuntamento one to one a pagamento a partire dal mese di Settembre quando torneremo operativi.

Da questa seconda edizione hai la possibilità di pagare in una sola volta oppure in due rate, che dovranno comunque essere interamente saldate entro il 14 Ottobre 2019. Scegliendo l’opzione a rate puoi PAGARE LA PRIMA RATA entro il 15 Settembre, dopo di che verrai avvisata via email per effettuare l’ordine della seconda rata e saldare il tutto prima del 14 Ottobre. Potrai pagare tramite carta di credito o PayPal cliccando direttamente sul bottone “ISCRIVITI AL CORSO” e seguire la procedura di acquisto. Riceverai la fattura tramite emali al tuo indirizzo di posta elettronica.

Ci vediamo dall’altra parte?

ISCRIVITI AL PERCORSO!

Ci tengo a sottolineare che non sono un medico e tutto ciò che condivido è basato sulla mia storia personale, sui miei studi, sulle mie ricerche  e non sostituisce alcun tipo di trattamento farmacologico e psicologico.

Cosa dicono di me, ecco alcune recensioni!

Testimonianza di Marina
Testimonianza di Elena
Testimonianza di Federica
Testimonianza Daniela
Testimonianza
Testimonianza di Federica

Cosa dicono di me i professionisti con cui collaboro

Ti aspettiamo
dal 21 Ottobre al 02 Dicembre 2019 al percorso “La Fibromialgia, secondo me!”

A partire dal 21 Ottobre Vittoria sarà disponibile SOLO all’interno del percorso, insieme ai collaboratori e professionisti che ti accompagneranno in questo viaggio.

Il costo del percorso completo è di € 409,00(tasse incluse), con la possibilitàeccezionalmente di pagare anche in due rate! Il costo comprende: contenuti video di medici ed esperti, interviste, affiancamento di Vittoria, esercizi pratici, contenuti extra dal 21 Ottobre al 02 Dicembre 2019.

La Fibromialgia, secondo me!
ISCRIVITI OGGI!
0
0
0
0
Days
0
0
Hrs
0
0
Min
0
0
Sec
ISCRIVITI AL PERCORSO!

Ci tengo a sottolineare che non sono un medico e ci tengo a sottolineare che tutto ciò che condivido è basato sulla mia storia personale, sui miei studi, sulle mie ricerche  e non sostituisce alcun tipo di trattamento farmacologico e psicologico.